Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Sinistra attacca consiglieri Pd-Fp, "onore perduto"

Sinistra attacca consiglieri Pd-Fp, "onore perduto"

Disatteso impegni su ospedale, riforma elettorale e Cime Bianche

AOSTA, 30 novembre 2023, 18:02

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Dalla costruzione di un nuovo ospedale fuori dal centro di Aosta alla riforma della legge elettorale, dalla difesa del vallone di Cime Bianche al versamento di una quota mensile alle forze politiche che li avevano sostenuti in campagna elettorale. Sono i quattro punti su cui si fondano le accuse - "onore perduto" - di Rete civica nei confronti dei consiglieri Alberto Bertin (presidente dell'Assemblea valdostana), Antonino Malacrinò, Paolo Cretier, Jean-Pierre Guichardaz (assessore all'istruzione) e Andrea Padovani, che fanno parte del gruppo Partito Democratico-Federalisti Progressisti in Consiglio Valle.
    "Cinque persone - secondo quanto scritto in una nota - che sono salite disinvoltamente sul carro di Pcp, sono andate in giro durante tutta la campagna elettorale esibendo il libro del programma, hanno formalmente sottoscritto tutti gli impegni politici e finanziari, e poi, una volta entrati in Consiglio, hanno abbandonato la lista da cui erano stati miracolati e hanno buttato nel cestino il programma e tutti gli impegni sottoscritti". 
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza