/ricerca/ansait/search.shtml?tag=
Mostra meno

Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Morto sotto valanga, procura chiede archiviazione

Morto sotto valanga, procura chiede archiviazione

Erano indagati ex presidente Cervino spa e il direttore piste

AOSTA, 09 giugno 2023, 12:44

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

La procura di Aosta ha chiesto l'archiviazione dell'inchiesta per omicidio colposo relativa al decesso di Leandro Pession, addetto al soccorso sulle piste di sci della Cervino spa, che a 58 anni, il 29 novembre 2021, era stato travolto da una valanga nella zona del colle superiore delle Cime Bianche. Erano indagati l'ex presidente della Cervino spa Herbert Tovagliari, e Giorgio Cazzanelli, in qualità di direttore delle piste di Valtournenche.
    Dopo la chiusura dell'indagine, nel febbraio scorso, si sono conclusive le trattative tra le parti per il risarcimento.
    L'incidente si era verificato nei pressi della sciovia Grand Sommettaz, a oltre 3.000 metri di quota, nei confini del Comune di Ayas. La vittima stava svolgendo dei controlli sulle piste.
    Sul posto erano intervenuti il Soccorso alpino valdostano e il 118. Pession era stato estratto dalla neve e rianimato, poi trasportato in elicottero ad Aosta dove era arrivato in condizioni molto critiche. Ricoverato nel reparto di Rianimazione dell'ospedale Parini, era morto il giorno seguente.
    "Eventuali profili di colpa dei due indagati - scrive nell'incidente probatorio il nivologo Mariano Melloni - non sono sicuramente la causa primaria scatenante l'incidente (Leandro Pession è uscito volontariamente dalla pista battuta nr.12)". Ma "possono invece essere una concausa legata all'eventualità che, in quelle condizioni nivometeorologiche, una rigorosa valutazione avesse portato a riscontrare quei precisi segnali d'allarme, e conseguentemente i lavoratori non avessero dovuto operare sulle piste 12 o 11 o, in alternativa, avessero raggiunto le due piste con una motoslitta e non con lo skilift del Gran Sommetta, evitando l'utilizzo degli sci". 
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza