Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Ad Assisi la Marcia della pace 'per fermare le stragi'

Ad Assisi la Marcia della pace 'per fermare le stragi'

I promotori: 'La mobilitazione mondiale continua a crescere'

PERUGIA, 09 dicembre 2023, 23:26

Redazione ANSA

ANSACheck

Marcia ad Assisi per fermare 'rischio genocidio in Palestina ' - RIPRODUZIONE RISERVATA

Marcia ad Assisi per fermare  'rischio genocidio in Palestina ' - RIPRODUZIONE RISERVATA
Marcia ad Assisi per fermare 'rischio genocidio in Palestina ' - RIPRODUZIONE RISERVATA

"La mobilitazione mondiale per fermare il massacro di innocenti a Gaza e portare immediato soccorso alle vittime continua a crescere. E domenica 10, ad Assisi, si svolgerà una nuova Marcia della pace e della fraternità per fermare le stragi": è quanto affermano i promotori - la Fondazione PerugiAssisi per la cultura della pace e dalla Coalizione AssisiPaceGiusta - spiegando che alla manifestazione hanno aderito 339 gruppi e associazioni, 100 Comuni e Province e le principali organizzazioni della società civile italiana.
    In un comunicato, Flavio Lotti (Fondazione PerugiAssisi per la Cultura della Pace) e Marco Mascia (Centro Diritti Umani Antonio Papisca, Università di Padova) sottolineano che "mentre a Gaza si sta consumando una immensa catastrofe umanitaria che minaccia l'esistenza di oltre due milioni di persone e di aggravare le tensioni internazionali, ieri gli Stati Uniti hanno posto il veto a una risoluzione del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite che chiedeva l'immediato cessate il fuoco".
    "Esortiamo l'Assemblea Generale dell'Onu - aggiungono, fra l'altro - a fare ciò che il Consiglio di Sicurezza non è riuscito a fare, cioè ad approvare una risoluzione che richieda il cessate il fuoco.
    Il rifiuto di chiedere il cessate il fuoco pone gli Stati Uniti in netto contrasto con il dovere morale e politico della comunità internazionale di proteggere le persone e i popoli minacciati di genocidio e di intervenire per prevenire i crimini contro l'umanità".
    "Nel piccolo come nel grande - si legge ancora nel comunicato - chi si assume la responsabilità di non intervenire contro un crimine si rende complice. Ora, anche l'Italia e l'Europa devono decidere da che parte stare".
    Il programma della Marcia, nella Giornata internazionale dei diritti umani, prevede, alle 10.00, alla Domus pacis di Sana Maria degli Angeli, l' Incontro nazionale dei costruttori e costruttrici di pace; alle 14.30 Marcia della pace e della fraternità, con partenza da Santa Maria degli Angeli; alle 16.50, ad Assisi, in piazza San Francesco, la conclusione della manifestazione. Alle 17.00 sarà celebrata la messa nella Basilica Inferiore di San Francesco.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza