/ricerca/ansait/search.shtml?tag=
Mostra meno

Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Uccise la moglie incinta a calci e pugni, ergastolo e isolamento

Uccise la moglie incinta a calci e pugni, ergastolo e isolamento

Depositate le motivazioni della condanna in primo grado

BOLZANO, 10 giugno 2023, 17:01

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Nessuna attenuante. La condanna all'ergastolo del quarantenne pachistano Mustafa Zeeshan per aver ammazzato a calci e pugni e poi soffocato nel suo letto la moglie Fatima, di 28 anni, incinta di otto mesi, prevede anche l'isolamento diurno per sei mesi. I fatti, accaduti a Versciaco, in Alta Val Pusteria, risalgono alla notte del 30 gennaio 2020.
    L'uomo è stato ritenuto anche colpevole del reato di interruzione volontaria di gravidanza, accertato che la morte della bambina è stata determinata dall'uccisione della madre, che la portava in grembo. Lo scorso marzo la Corte di assise di primo grado di Bolzano aveva condannato Zeeshan al massimo della pena e venerdì 9 giugno sono state depositate le motivazioni della sentenza.
    La Corte - informa la presidenza del tribunale di Bolzano - ha stabilito anche l'interdizione perpetua dai pubblici uffici e l'interdizione legale durante l'esecuzione della pena. A titolo di provvisionale, Zeeshan è chiamato a pagare 50.000 euro e a rifondere le spese del procedimento alla parte civile. La determinazione dei danni patrimoniali e non per la parte civile sono rimessi al giudice civile.
    Sono state riconosciute tutte le circostanze aggravanti contestate (omicidio in danno del coniuge, abuso della situazione di coabitazione, fatto commesso in danno di persona in stato di gravidanza e approfittamento delle condizioni di persona tali da ostacolare la difesa, in ragione della grande differenza di corporatura tra vittima e imputato). Non sono stati individuati elementi di consistenza tale da poter giustificare il riconoscimento delle circostanze attenuanti generiche.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza