/ricerca/ansait/search.shtml?tag=
Mostra meno

Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Morto in rissa, colpito da narghilè che gli ha reciso giugulare

Morto in rissa, colpito da narghilè che gli ha reciso giugulare

Dinamica confermata dalle immagini telecamere della discoteca

TERRANUOVA BRACCIOLINI (AREZZO, 02 ottobre 2023, 19:24

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Ad uccidere Joel Ramirez Seipo, il 38enne di origine dominicana, durante una rissa scoppiata in una discoteca di Terranuova Bracciolini (Arezzo), sarebbe stato un narghilè, trasformatosi in arma mortale forse perché scagliato da una certa distanza, che ha reciso la giugulare dell'uomo. A confermare la dinamica sarebbero le immagini registrate dalle telecamere del locale di Terranuova Bracciolini che ospitava il concerto di un noto rapper.
    Secondo quanto emerge, al momento della rissa, sarebbero volati sgabelli e un giovane, il cui volto non sarebbe ben visibile, avrebbe risposto lanciando il narghilè. I carabinieri mantengono il massimo riserbo sulle indagini che da domenica mattina non si sono mai fermate. L'ascolto dei testimoni, una ventina in tutto le persone coinvolte nella rissa, tra i circa 300 presenti al concerto e la visione delle immagini stanno risultato utili ai fini dell'identificazione dell'omicida.
   
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza