Foto

12 settembre, 18:08 Spettacolo

La leonessa Diwan, mi batto per pari opportunità

© ANSA
 © ANSA

(ANSA) - VENEZIA, 12 SET - Audrey Diwan è una sceneggiatrice, giornalista e scrittrice francese. Ha appena vinto il Leone d'oro a Venezia 78 con il film L'Évenement, da lei scritto e diretto. In Italia lo si vedrà ad ottobre in sala, intitolato 12 settimane, distribuito da Europictures). Tratto dal romanzo autobiografico di Annie Ernaux e con Anamaria Vartolomei protagonista eccellente, racconta la storia di una giovane brillante universitaria che nella Francia del 1960 è costretta a mettere a rischio se stessa per interrompere la gravidanza non voluta in un'epoca in cui abortire era illegale e dunque una pratica clandestina. "Non è un film sull'aborto, ma sulla libertà delle donne. Da giovane ho dovuto abortire - ha detto la regista 41enne - ma l'ho potuto fare legalmente, in ospedale, in tutta sicurezza, senza rischiare la vita. Alle generazioni precedenti questo non era possibile e ancora oggi non lo è in molti Paesi, come la vicina Polonia. Un tema così è molto urgente". La regista ha raccontato di aver avuto da sabato notte "tante congratulazioni dalle registe francesi e tanti messaggi dalle donne. Oggi tanti diritti acquisiti nei decenni dall'universo femminile sono di nuovo messi in pericolo e penso che che sia un modo di togliere potere alle donne, privarle di diritti fa parte di una guerra di potere con gli uomini".
    L'Evenement (12 settimane) ha vinto il Leone d'oro, "ma io non me lo aspettavo, un premio è importante ma molto lo è continuare a fare cinema, ho già scritto un altro film. Vorrei che non facesse notizia il premio ad una regista, mi batto non per l'uguaglianza in sé - ha sottolineato - ma perché questa uguaglianza sia naturale finalmente, avere pari accesso, pari opportunità nella società, incluso il fare cinema, è ciò per cui lotto. Siamo la metà del pianeta ed è molto importante il nostro sguardo attraverso i film. Spero che il Leone d'oro vinto apra altre porte alle mie colleghe", ha concluso. I suoi riferimenti cinematografici? Donne ma non solo: "Agnes Varda, Jane Campion, Ken Loach, Hirokazu Koreeda". Si aspetta polemiche visto il tema del film? "Non voglio provocare, ma aprire un dibattito sulla libertà delle donne". (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

Tutte le foto

Modifica consenso Cookie