Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Israele rilascia altri 30 palestinesi, anche Ahed Tamimi

Israele rilascia altri 30 palestinesi, anche Ahed Tamimi

La pasionaria 22enne era nuovamente in carcere dal 6 novembre

ROMA, 30 novembre 2023, 01:48

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

C'è anche la ventiduenne Ahed Tamimi nel gruppo di 30 tra donne e minorenni palestinesi rilasciati stanotte da Israele nell'ambito della tregua con Hamas.
    Diventata famosa in tutto il mondo nel 2018 per aver schiaffeggiato due soldati israeliani nel suo villaggio cisgiordano di Nabi Saleh, Tamimi era in carcere per l'ennesima volta dal 6 novembre dopo un suo post su Instagram in arabo e in ebraico indirizzato alle "mandrie di coloni israeliani" nel quale affermava: "Vi aspettiamo in tutte le città della Cisgiordania, da Hebron a Jenin. Vi massacreremo e direte che ciò che vi ha fatto Hitler era uno scherzo. Berremo il vostro sangue e mangeremo i vostri teschi". Per la famiglia Tamimi non è stata Ahed a scrivere il post, che sarebbe invece frutto di uno dei tanti account fake che si sono appropriati dell'immagine della giovane pasionaria palestinese.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza