Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Scontro Gb-Grecia su Partenone, è rottura Sunak-Mitsotakis

Scontro Gb-Grecia su Partenone, è rottura Sunak-Mitsotakis

Londra cancella incontro dopo intervista, leader d'Atene riparte

LONDRA, 28 novembre 2023, 10:14

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Altro che negoziato per la restituzione dei marmi del Partenone, su cui i media avanzano ipotesi ricorrenti. Fra Regno Unito e Grecia è ormai scontro diplomatico aperto: a innescarlo è stata un'intervista alla Bbc dai toni rivendicativi del premier greco Kyriakos Mitsotakis, in visita a Londra da domenica sera, in seguito alla quale il collega britannico Rishi Sunak ha deciso di cancellare con brevissimo preavviso l'incontro a due che avrebbe dovuto coronare oggi l'evento, sbattendo di fatto la porta di Downing Street in faccia all'ospite.
    Un vero e proprio schiaffo, secondo la stampa del Regno, a cui Mitsotakis - "stupito e irritato" nelle parole del suo entourage - non ha potuto che rispondere ripartendo in queste ore per casa con un inedito nulla di fatto in termini di relazioni tra governi. Avendo rifiutato, alla stregua di un'umiliante retrocessione del proprio status, la gelida offerta in extremis di Londra di un colloquio alternativo col vicepremier Oliver Dowden.
    Ad accendere la querelle tra i due premier - entrambi conservatori e alla guida di Paesi alleati nella Nato - sono state le parole forti alla Bbc con cui Mitsotakis è tornato a invocare "la restituzione alla Grecia" dei preziosi marmi del Partenone - portati a Londra da Lord Elgin nell'800 al tempo dell'Impero britannico grazie alla compiacenza degli ottomani e acquisiti poi dal British Museum di Londra - liquidando come inaccettabile persino un'ipotetica suddivisione: equiparata sarcasticamente all'idea di "dividere in due la Gioconda". Affermazioni che hanno mandato su tutte le furie Sunak, il quale attraverso un portavoce ha ribadito viceversa la posizione di principio di Londra contro la restituzione di un patrimonio storico "acquisito legalmente": restituzione vietata del resto per legge da una norma ad hoc approvata anni fa a Westminster, il British Museum Act.
    L'escalation è quindi giunta fino all'inatteso annullamento del faccia a faccia nel cui ordine del giorno, in base alle indicazioni di Downing Street, non avrebbe nemmeno dovuto esserci primariamente il dossier dei marmi. Bensì discussioni su gravi crisi internazionali attuali come la guerra fra Russia e Ucraina o il conflitto israelo-palestinese.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza