Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Macron accende la candela di Hanukkah all'Eliseo, polemiche

Macron accende la candela di Hanukkah all'Eliseo, polemiche

'Grave violazione della laicità'.Darmanin,'a fianco degli ebrei'

PARIGI, 08 dicembre 2023, 10:32

Redazione ANSA

ANSACheck

© ANSA/EPA

© ANSA/EPA
© ANSA/EPA

Bufera di polemiche dopo che ieri sera il rabbino capo di Francia, Haim Korsia, ha acceso la prima candela della festa ebraica di Hanukkah nei saloni dell'Eliseo, alla presenza del capo dello Stato Emmanuel Macron. Il video ha fatto il giro del web ricevendo un'ondata di critiche.
    Anche il presidente del Crif (Consiglio rappresentativo delle istituzioni ebraiche di Francia), Yonathan Arfi, ha detto stamattina ai microfoni di Sud Radio che celebrare l'inizio della festa di Hanukkah all'Eliseo è stato "un errore": "Effettivamente - ha ammesso - non è l'Eliseo il posto in cui accendere una candela di Hanukkah, poiché il Dda repubblicano è quello di tenere lontano tutto ciò che è religioso".
    Il capo dello Stato ha ricevuto ieri sera il laureato del premio Lord Jakobovits della Conferenza dei rabbini europei (Cer), assegnato ogni anno a chi si distingue per la lotta contro l'antisemitismo e la protezione delle libertà religiose.
    E' in tale occasione che il rabbino Korsia ha acceso la prima "luce" del candelabro.
    Macron "non ha violato affatto la laicità - ha commentato il ministro dell'Interno, Gérald Darmanin -. Il presidente è un difensore delle religioni, le rispetta tutte. Come capo dello Stato non ha commesso nessuna violazione della laicità".
    "Durante questa festa ebraica importante - ha continuato - mentre i nostri connazionali ebrei subiscono atti antisemiti, i rabbini vengono aggrediti, le sinagoghe attaccate, prese di mira nelle strade persone con segni della loro religione, trovo del tutto normale che il presidente si metta al fianco dei nostri connazionali ebrei".
    "Macron presidente - ha commentato su X la senatrice socialista Laurence Rossignol - è un bambino di 10 anni con la scatola del 'Piccolo chimico', ma con nitroglicerina e fiammiferi veri". "Domani - ha scritto invece Manuel Bompard, coordinatore de La France Insoumise - celebreremo l'anniversario della legge del 1905 sulla separazione fra lo Stato e le religioni". Quello di ieri sera "è stato un imperdonabile errore politico", ha aggiunto. "Stiamo pensando alla messa di Natale o all'Aid musulmano all'Eliseo? Non è una cosa seria", ha osservato Julien Aubert, deputato dei Républicains.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza