Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Kenya: omicidio campionessa, ipotesi femminicidio per gelosia

Kenya: omicidio campionessa, ipotesi femminicidio per gelosia

Un testimone chiama in causa il marito di Agnes Tirop

NAIROBI, 06 dicembre 2023, 12:21

Redazione ANSA

ANSACheck

© ANSA/EPA

© ANSA/EPA
© ANSA/EPA

Spunta la pista del femminicidio per gelosia, nel processo per l'omicidio della campionessa di atletica keniota, Agnes Tirop, ex detentrice del record mondiale dei 10 mila metri.
    Come riferisce il sito Citizen Digital, il processo a carico di Ibrahim Rotich, marito della mezzofondista e principale sospettato dell'omicidio, avvenuto il 13 ottobre 2021, ha preso una nuova piega dopo che un testimone ha dichiarato che Rotich pensava che la moglie avesse una relazione extraconiugale con un soldato dell'esercito keniota.
    Il testimone ha raccontato ai giudici che il marito della defunta gli aveva chiesto di parlare con lei per riconciliarli sui sospetti riguardanti il militare e di aver organizzato una cena a casa sua, in cui le divergenze sembravano essere state risolte.
    L'atleta venticinquenne era stata trovata morta nella sua casa di Iten, al ritorno dalla Germania, dove aveva battuto il record mondiale, con diverse ferite da taglio al collo e all'addome. La prossima udienza si terrà il 15 dicembre.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza