Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Estradato in Cile accusato dell'assassinio di Victor Jara

Estradato in Cile accusato dell'assassinio di Victor Jara

Accolto a Santiago da grida 'assassino, assassino'

SANTIAGO DEL CILE, 02 dicembre 2023, 01:15

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Un ex soldato, accusato di aver torturato e ucciso il cantautore cileno Victor Jara 50 anni fa, è stato estradato in Cile dagli Stati Uniti. Pedro Barrientos, 75 anni, è arrivato all'aeroporto della capitale Santiago a bordo di un volo proveniente da Miami, ha confermato la polizia. All'aeroporto è stato accolto al grido di "Assassino, assassino!" L'ex soldato, che viveva negli Stati Uniti dal 1989, da dove era stato espulso, ha perso la cittadinanza americana a luglio dopo che un tribunale aveva stabilito che aveva nascosto informazioni relative al suo servizio militare. È ricercato dal 2013 dalla giustizia cilena, che lo accusa di essere uno degli assassini di Victor Jara all'inizio della dittatura di Augusto Pinochet.
    Membro del Partito Comunista Cileno e fervente sostenitore del presidente Salvador Allende, rovesciato da Pinochet, Victor Jara fu tra i prigionieri trasferiti nello stadio che oggi porta il suo nome. Lì fu interrogato, torturato, ucciso e il suo corpo fu trovato crivellato da 44 proiettili. Arrivato a Santiago, Barrientos è stato trasferito in elicottero in una zona militare nella zona est della capitale, dove sarà detenuto e interrogato dal giudice Guillermo de la Barra.
    Il 28 agosto, altri sette soldati in pensione sono stati condannati da otto a 15 anni di prigione per l'assassinio di Victor Jara. Uno di loro, di 85 anni, si è suicidato in agosto poco prima della sua incarcerazione. In un'intervista all'Afp, l'unica figlia di Victor Jara, Amanda, ha parlato di una "strada molto lunga" percorsa prima di ottenere giustizia. "Ma non ha condizionato la nostra vita. E' un bene che il processo sia finito".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza