Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Ocse, Pil 2024 frena a +2,7%, in Italia +0,8% anche nel 2023

Ocse, Pil 2024 frena a +2,7%, in Italia +0,8% anche nel 2023

In calo dello 0,4% rispetto alle stime di giugno

PARIGI, 20 settembre 2023, 10:15

Redazione ANSA

ANSACheck

Rallenta il Pil mondiale secondo l 'Ocse - RIPRODUZIONE RISERVATA

Rallenta il Pil mondiale secondo l 'Ocse - RIPRODUZIONE RISERVATA
Rallenta il Pil mondiale secondo l 'Ocse - RIPRODUZIONE RISERVATA

Il Pil mondiale dovrebbe passare dal +3,3% del 2022, al +3,0% nel 2023 (+0,3 rispetto alle precedenti stime di giugno) e al +2,7% nel 2024 (-0.2% rispetto alle precedenti stime di giugno): è quanto emerge dalle Prospettive Economiche Intermedie dell'Ocse pubblicate oggi.
    Nell'Eurozona, precisa l'organismo internazionale con sede a Parigi, il Pil dovrebbe passare dal +3,4% del 2022, allo +0,6% del 2023 (-0,3% rispetto alle stime di giugno), all'1,1% del 2024 (-0,4%). Quanto all'Italia, l'Ocse prevede un Pil di +0,8% sia per il 2023 (-0,4% rispetto alle precedenti stime di giugno) sia per il 2024 (-0,2%)dopo il +3,8% del 2022. 
   

Inflazione in calo nel G20, in Italia al 2,5% nel 2024

L'inflazione complessiva nella zona del G20 si ridurrà progressivamente dal 7,8% del 2022, al 6% nel 2023, al 4,8% nel 2024: è quanto emerge dalle Prospettive Intermedie dell'Ocse presentate oggi. Nell'eurozona, precisa l'organismo internazionale con sede a Parigi, l'inflazione complessiva dovrebbe passare dall'8,4% del 2022, al 5,5% del 2023 (-0,3% rispetto alle precedenti stime di giugno), al 3% del 2024 (-0,2%). Anche in Italia l'inflazione dovrebbe contrarsi progressivamente dall'8,7% del 2022, al 6,1% del 2023 (-0,3% rispetto alle precedenti stime di giugno), al 2,5% del 2024 (-0,5% rispetto alle precedenti stime).

Le prospettive economiche dell'Ocse "sono segnate da rischi importanti. Tra i principali rischi l'inflazione risulta più forte di quanto previsto il che richiede politiche monetarie restrittive": lo ha detto il segretario generale dell'Ocse, Matthias Cormann. La "politica monetaria deve rimanere restrittiva" fino quando non ci saranno "segni chiari" di miglioramento dell'inflazione, ha avvertito evocando, tra gli altri rischi, una economia cinese più debole del previsto. "La ripresa più debole del previsto in Cina - ha dichiarato - pesa sulla crescita mondiale".

Le raccomandazioni all'Italia: 'Riforme strutturali da portare avanti'

"La difficoltà per l'Italia è la crescita o meglio l'asssenza di crescita. La nostra raccomandazione alle autorità italiane è avviare delle riforme strutturali per far fronte alla crescita debole, il che significa, ad esempio, rafforzare la concorrenza e l'innovazione": la capoeconomista dell'Ocse, Clare Lombardelli, alla conferenza stampa di presentazione dell' Economic Outlook a Parigi, ha risposto cosi' alla domanda dell'ANSA su quale fosse il suo suggerimentoper rafforzare l'economia del Belpaese. "Riforme strutturali da portare avanti: ecco quella che sarebbe la nostra raccomandazione per l'Italia", ha aggiunto.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza