Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Morì dopo la correzione di un alluce valgo, 3 medici condannati

Morì dopo la correzione di un alluce valgo, 3 medici condannati

La decisione in Appello ribalta la sentenza a Bologna

BOLOGNA, 28 novembre 2023, 16:42

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Si ribalta in appello il processo sulla morte di Mirella Bonatti, 75 anni, operata per la correzione di alluce valgo il 2 febbraio 2016 nella clinica privata accreditata 'Nigrisoli' di Bologna e morta a Imola il 20 luglio di quell'anno, per una sepsi seguita a un'infezione. In primo grado i tre medici imputati - due operarono la donna e tutti e tre si occuparono del 'follow up' nel centro medico ortopedico di via Marconi - furono assolti dal giudice Nadia Buttelli.
    Ma la Corte di appello, quarta sezione penale, ha disposto una nuova perizia medico-legale e alla fine ha condannato tutti e tre a sette mesi, pena sospesa, al pagamento delle spese legali e ad una provvisionale di 150mila euro ciascuno per il marito e la figlia della paziente, assistiti come parte civile dall'avvocato Patrizio Orlandi. La sentenza di primo grado, oltre che dalla parte civile, era stata impugnata anche dal procuratore aggiunto, Francesco Caleca.
    I medici erano difesi dagli avvocati Alberto Santoli, Carlo Federico Strozzi e Stefano Molinari: era contestato a vario titolo di non aver considerato fattori di rischio che consigliavano di rinviare l'operazione, peraltro di non certa utilità terapeutica, e di non prescrivere poi una profilassi.
    Il processo di appello è durato un anno: oltre ai periti sono stati sentiti testimoni e le parti civili, prima di arrivare alla decisione che ha riformato la sentenza di primo grado.
    L'accusa è stata sostenuta dal pg Antonietta Di Taranto.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza