/ricerca/ansait/search.shtml?tag=
Mostra meno

Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Protesta a Santa Cristina Gela, no a forno crematorio

Protesta a Santa Cristina Gela, no a forno crematorio

Un'opera da realizzare, con il sistema del project financing

SANTA CRISTINA GELA, 04 giugno 2023, 18:15

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Manifesti con la scritta "No al forno crematorio" sui balconi delle case e davanti all'ingresso del bar e delle botteghe. Monta la protesta a Santa Cristina Gela, con appena seicento abitanti, uno dei più piccoli comuni della provincia di Palermo. Residenti e operatori contestano la decisione della Giunta comunale di far costruire un forno crematorio all'interno del cimitero. Un'opera da realizzare, con il sistema del project financing, da un consorzio di imprese, capofila la Civil Engineering Service di Andria. Le procedure di gara sono state completate nei giorni scorsi. A preoccupare non solo i rischi per la salute e per l'ambiente.
    Critiche vengono mosse anche sull'utilità dell'impianto che costerà al consorzio poco meno di due milioni di euro. Da decenni a Santa Cristina si registrano in media dieci decessi all'anno e nessuna richiesta di cremazione. Secondo i progettisti, nel forno crematorio, una volta ultimato, potranno essere incenerite ogni anno tremila salme provenienti da altri Comuni della Sicilia. Per bloccare la delibera comunale e la costruzione del forno, residenti, titolari di aziende agricole e degli agriturismo hanno promosso nei mesi scorsi una raccolta firme. L'iniziativa, che ha fatto registrare duecentoquaranta adesioni, è stata ritenuta inefficace dal sindaco Giuseppe Cangialosi.
    "Il territorio di Santa Cristina Gela - dicono i residenti - è apprezzato, da molti, per i vigneti di pregio e per i prodotti caseari di qualità, come la ricotta, la tuma, il caciocavallo e i caratteristici cannoli".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza