Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Confermato lo sciopero di due giorni al Lirico di Cagliari

Confermato lo sciopero di due giorni al Lirico di Cagliari

Restano a rischio 2 opere,sindacati chiedono convocazione tavolo

CAGLIARI, 19 ottobre 2023, 09:52

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

E' stato confermato lo sciopero dei lavoratori del Teatro Lirico di Cagliari: a rischio la 'prima' di Mefistofele e de La Bohème, rispettivamente del 17 novembre e 21 dicembre. Coro e orchestra si esibiranno inoltre in borghese nei prossimi concerti sinfonici. Si valuta anche la proclamazione di un'ulteriore giornata di astensione dal lavoro da effettuarsi prima delle due date in programma.
    La decisione è stata condivisa dai lavoratori riuniti oggi in un'assemblea nella platea del Lirico dalle Rsu e dalle segreterie territoriali e regionali di Slc Cgil, Fistel Cisl, Uilcom Uil, Fials, Usb, LiberSind.
    Per effetto dello sciopero indetto già da venerdì scorso era già saltata la replica del concerto di sabato. "Usb condivide e sostiene il disagio dei lavoratori che esprimono riserve sulle politiche gestionali di questa amministrazione", ha detto Massimiliano Cecalotti (Usb).
    Lo stato di agitazione va dunque avanti nonostante la mediazione del sindaco e presidente del Consiglio di indirizzo Paolo Truzzu e le promesse del sovrintendente Nicola Colabianchi avessero aperto sabato scorso spiragli nella trattativa. In particolare sulla richiesta di considerare premianti ai fini del concorso per la stabilizzazione dei precari, anzianità di servizio e titoli; ancora, sulla trasparenza nella pubblicazione delle graduatorie, sull'incremento della pianta organica funzionale con l'impiego dei precari entro l'1 gennaio.
    I lavoratori chiedono l'apertura immediata di un tavolo di confronto "per dare seguito agli impegni assunti e trovare accordi su questi e gli altri punti della piattaforma", ha spiegato Antonello Marongiu (Slc Cgil).

COLABIANCHI, 'INCOMPRENSIBILE'. "Sono stupito, appare incomprensibile come all'indomani dell'incontro con i sindacati convocato dal sindaco Paolo Truzzu tutto venga vanificato e non si tenga conto degli impegni presi su diversi punti della trattativa". Così il sovrintendente del Teatro Lirico di Cagliari, Nicola Colabianchi, sulla decisione scaturita nel corso dell'assemblea dei lavoratori del Lirico di non revocare lo sciopero indetto dalle Rsu e da sei sigle sindacali. Decisione che mette a rischio le prime delle due prossime opere in cartellone, Mefistofele il 17 novembre e La bohème il 21 dicembre. "Invece nel corso dell'assemblea di questa mattina sono emerse nuove richieste", afferma il sovrintendente che ricorda "abbiamo dato ampia disponibilità all'inserimento dell'anzianità di servizio nel punteggio per i bandi sulla stabilizzazione dei precari, ancora sulla trasparenza nella pubblicazione delle graduatorie, daremo soluzioni per quanto riguarda l'incremento della pianta organica funzionale". Colabianchi mette in evidenza che "le nostre azioni sono sempre improntate nel rispetto delle norme e dei lavoratori. Da parte mia c'è sempre stato il massimo impegno dimostrato dall'acquisto per 300mila euro di nuovi strumenti, alla conciliazione di numerose cause, ai pochissimi giorni di cassa integrazione durante il Covid a fronte di mesi in altri teatri. Nonché alla firma di numerosissimi accordi che hanno risolto annosi problemi come il compenso per le domeniche lavorate, un accordo di 200mila euro per l' aumento della produzione, l'intesa per un ulteriore milione e mezzo di euro in 18 mesi per l' aumento della produttività giunto alla fine della discussione ma che lo stato di agitazione che permane ne impedisce la firma, per non parlare della tournée all' estero appena conclusasi in gennaio e di una prossima nel 2024. Questo e altri sono dati incontrovertibili che non si possono negare". Sulla richiesta di convocazione di un nuovo tavolo Colabianchi precisa: "non ho ricevuto alcuna comunicazione né un documento a seguito dell'assemblea".

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza