Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Intelligenza artificiale, spettro delle macchine sul cinema

Intelligenza artificiale, spettro delle macchine sul cinema

Alcuni settori temono ricadute occupazionali e sulla qualità

BARI, 12 novembre 2023, 13:05

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

di Daniela Uva Mentre negli Stati Uniti gli attori di Hollywood hanno scioperato per mesi, in Italia si inizia a discutere dei pericoli dell'intelligenza artificiale nel settore audiovisivo. La nuova tecnologia viene in parte già usata, soprattutto nel campo degli effetti speciali, ma ci sono lavori intellettuali, come quello degli attori, dei doppiatori e degli sceneggiatori, che temono un crollo dei livelli occupazionali e della qualità. Se ne è discusso questa mattina nel corso della giornata conclusiva di Ade, Apulia digital experience 2023, la conferenza internazionale made-in-Italy dedicata all'innovazione digitale nelle industrie creative, in programma all'Apulia film house di Bari e organizzata da Apulia film commission e Rai Com.
    "C'è grande preoccupazione - conferma Massimo Giuliani, attore e doppiatore -. E questo non solo nel nostro settore".
    Giuliani parla di una "geniale macchina a orologeria che può creare danni micidiali". Soprattutto nel cinema, nel quale a soffrire potrebbero essere lavori propriamente intellettuali, ma anche quello dei montatori. "Temiamo ricadute occupazionali - spiega Giuliani - ma anche culturali, che sarebbero più gravi.
    Come spettatori paghiamo un biglietto per assistere a un evento e vogliamo che ci dia un'emozione. Una macchina può creare suoni meravigliosi, ma non è in grado di dare emozione perché non ha un'anima". Per questo ora più che mai bisogna "lavorare sulla capacità dell'artista di tirare fuori quello che un computer non riesce a fare - dice Giuliani -. Rivendico l'arte, la genialità e la fantasia che devono essere al potere. Occorre quindi puntare tutto sulla qualità e sull'arte".
    Fra i settori considerati in pericolo c'è quello della sceneggiatura, anche se gli addetti ai lavori per ora ritengono che il loro lavoro sia al sicuro, perché impossibile da replicare con un algoritmo. Come sindacato della categoria - chiarisce Giorgio Glaviano, presidente di Writers guild Italia - stiamo studiando il fenomeno e ci siamo resi conto che al momento la resa dell'intelligenza artificiale è poco più che piatta". Il risultato è, quindi, abbastanza banale perché, evidenzia, "non si tratta di un'intelligenza generativa, ma solo combinatoria". Quanto ai timori sul prossimo futuro, "in pericolo c'è la catena dei diritti d'autore - conclude - ma un computer non può raccontare ciò che fa emozionare, perché il calore di un'emozione o di un ricordo non può essere codificato.
    Da questo punto di vista quindi il nostro lavoro non è immediatamente in pericolo".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza