Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Digitale, il videogame del futuro? Entrerà nelle scuole

Digitale, il videogame del futuro? Entrerà nelle scuole

La prima giornata di Apulia digital experience a Bari

BARI, 10 novembre 2023, 13:31

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"Abbiamo già realizzato dei videogame educational nelle scuole con grande successo, la prospettiva che cambia è l'intenzione d'autore". Lo ha detto Fabio Belsanti, ceo e founder di AgeOfGames, a margine della prima giornata di Ade, Apulia digital experience 2023, la prima conferenza internazionale made-in-Italy dedicata all'innovazione digitale nelle industrie creative, in programma a Bari fino al 12 novembre all'Apulia film house.
    "I videogame di intrattenimento vogliono solo divertire - ha aggiunto - invece, come un buon libro, il videogame studiato per lasciare qualcosa quando il gioco termina cambia la prospettiva psicologica". Belsanti ha evidenziato che "la potenza del videogioco è la potenza del simbolico, non è tanto la parte didascalica a essere importante ma quella che rimane attraverso l'esperienza diretta. Con l'interazione entra a far parte del Dna e della memoria". I videogame potranno dunque contribuire alla formazione dei più giovani, anche per quanto riguarda in modo specifico la storia. "Ci sono giochi che già adesso vengono utilizzati e molte case editrici producono pacchetti derivanti dal game che possono essere utilizzati in classe, per ambientarsi più facilmente in epoche lontane come quella greca o romana" ha confermato Antonio Brusa, fondatore di Historia Ludens. "Occorre però una nuova produzione di giochi - ha concluso - affinché siano brevi, intensi e diano subito qualcosa che l'insegnante possa sfruttare come strumento di formazione".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza