Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Israele: Torino, 200 al presidio con le bandiere palestinesi

Israele: Torino, 200 al presidio con le bandiere palestinesi

Organizzato da Progetto Palestina e Bds Italia

TORINO, 11 ottobre 2023, 18:46

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Presidio oggi pomeriggio a Torino, in piazza Foroni (nel quartiere Barriera di Milano), organizzato da Progetto Palestina e Bds Italia, movimento per i diritti del popolo palestinese. Vi hanno partecipato circa 200 persone.
    "Essere solidali con i palestinesi, vittime di un colonialismo di 75 anni, non vuol dire essere filoterroristi, e neppure antisemiti, lo capisca anche il nostro governo. Significa schierarci dalla parte di popoli orrendamente oppressi. Quello che sta accadendo in questi giorni è solo la punta dell'iceberg", hanno detto i portavoce lanciando la manifestazione di sabato a Torino, con ritrovo in piazza Crispi.
    Oggi pomeriggio i manifestanti hanno sventolato o steso a terra bandiere palestinesi. "Prendere le distanze da Hamas? - ha detto una ragazza con il capo avvolto nella tradizionale kefiah palestinese - non è questo il punto. Certo che sono state compiute violenze atroci, ma la resistenza palestinese è fatta da tantissime associazioni umanitarie e di liberazione, fermarsi a questo non spiega cosa sta accadendo in quelle terre che da 17 anni patiscono un embargo di cibo, acqua e medicine assassino" "Senza liberazione e un processo di decolonizzazione definitivo - ha aggiunto uno studente universitario - non vi sarà mai, proprio mai la pace in Israele e in Palestina. La politica di due pesi e due misure, anche quando si devono contare i morti, non porterà mai da nessuna parte".
    Un'altra giovane ha ricordato l'iniziativa di questa mattina all'università "anche per ricordare che gli studenti palestinesi non sono liberi di fare nulla e muoversi perché vengono bloccati dagli innumerevoli check point che li isolano dal mondo".
   
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza