Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

San Pietro Avellana, sindaco riapre tartufaia dopo bonifica

San Pietro Avellana, sindaco riapre tartufaia dopo bonifica

Era stata disseminta di esche avvelenate.Morti decine di cani

SAN PIETRO AVELLANA, 07 dicembre 2023, 08:15

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Il sindaco di San Pietro Avellana (Isernia), Simona De Caprio, ha disposto, con propria ordinanza, la riapertura della tartufaia chiusa dal 18 novembre in seguito alla morte, per avvelenamento, di decine di cani impegnati nella ricerca del pregiato tubero bianco. La decisione è arrivata "a conclusione - si legge nell'ordinanza - delle attività di ricerca e bonifica da esche avvelenate da parte dell'unità cinofila antiveleno del Nucleo Carabinieri Forestale di Frosolone (Isernia) e dall'Unità antiveleno del Parco Nazionale Abruzzo Lazio e Molise". L'area interessata è molto vasta: "Piana di Sangro, Bosco Cantalupo, Tratturo Celano Foggia e Bosco Difesa-Grande". Nella stessa permane, tuttavia, una restrizione "per tutti i cani adibiti alla ricerca del tartufo o per attività venatoria l'uso della museruola".
    Proseguono le indagini condotte dai carabinieri Forestali e coordinate dalla Procura di Isernia, le ipotesi di reato sono maltrattamento di animali e avvelenamento di sostanze alimentari. Sulle carcasse dei cani sono stati eseguiti esami necroscopici all'Istituto Zooprofilattico di Isernia per stabilire quale sia la sostanza ingerita con i bocconi avvelenati.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza