/ricerca/ansait/search.shtml?tag=
Mostra meno

Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Impreca in arabo in chiesa durante la messa, denunciato a Monza

Impreca in arabo in chiesa durante la messa, denunciato a Monza

E' stato bloccato dagli agenti mentre cercava di spogliarsi

MONZA, 27 marzo 2023, 15:33

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Un uomo di 55 anni è stato denunciato dalla Polizia a Monza, per aver interrotto ieri la messa in una chiesa del centro storico, Santa Maria, Maddalena e Teresa, gridando frasi in arabo e spogliandosi. All'uomo, di nazionalità marocchina, era stato revocato il permesso di soggiorno a causa dei numerosi reati commessi in Italia.
    Quando due pattuglie della Polizia sono entrate in chiesa, l'uomo stava ancora gridando contro il sacerdote, le suore e i fedeli e lanciava imprecazioni contro le statue e i dipinti. Il 55enne è stato bloccato mentre stava iniziando a spogliarsi ed è stato portato in Questura. Dai controlli è emerso che lo scorso 21 marzo proprio la Polizia di Monza lo aveva già accompagnato presso il Cpr di Roma per il rimpatrio, a causa dei precedenti per violazione di domicilio, guida in stato di ebrezza, maltrattamenti in famiglia, lesioni personali e resistenza a pubblico ufficiale con la conseguente revoca del permesso di soggiorno. Il Giudice di pace di Roma non aveva però convalidato il provvedimento.
    Ieri l'uomo è stato accompagnato al Cpr di Potenza.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza