Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

'Lucrava sui profughi ucraini', arrestato a Reggio Emilia

'Lucrava sui profughi ucraini', arrestato a Reggio Emilia

Un dipendente di patronato chiedeva denaro per le pratiche

REGGIO EMILIA, 30 novembre 2023, 15:38

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

E' accusato di aver lucrato sui cittadini ucraini in fuga dalla guerra intascandosi somme di denaro per mandare avanti pratiche che in realtà dovevano essere gratuite. La polizia ha arrestato un impiegato di un patronato di Reggio Emilia, con l'accusa di induzione indebita a dare o promettere utilità. L'uomo, un 26enne italiano d'origine ghanese, si trova ai domiciliari in attesa dell'udienza di convalida. I fatti risalgono a fine febbraio 2022, poco dopo lo scoppio del conflitto russo-ucraino, nel contesto del boom di richieste di ricongiungimento familiare come protezione temporanea avanzate da parte di cittadini ucraini già presenti in Italia per motivi di lavoro; pratiche che per i richiedenti asilo ucraini godono di assoluta gratuità oltre che di una corsia preferenziale direttamente nelle questure proprio per motivi umanitari legati alla guerra. Ma il 26enne indagato, residente nel Reggiano, avrebbe chiesto soldi (circa cento euro ciascuno) a sei ucraini - come il numero dei casi finiti sotto la lente investigativa - che si erano rivolti al piccolo patronato cittadino dove opera, che ha sede in zona stazione a Reggio Emilia, riconosciuto dal Ministero del Lavoro, garantendo loro che la documentazione sarebbe arrivata celermente in questura (dove sarebbe ugualmente finita in tempi rapidi). L'indagine è scattata proprio dopo che l'ufficio immigrazione della questura di Reggio Emilia è venuto a conoscenza dalle sei presunte vittime del raggiro, convocate per il disbrigo della pratiche, avevano versato somme di denaro al patronato per pratiche che in realtà dovevano essere gratuite.
    L'inchiesta - coordinata dal sostituto procuratore Valentina Salvi e dal procuratore capo Calogero Gaetano Paci e condotta da squadra mobile e ufficio immigrazione della questura - ha portato alla richiesta, poi accolta dal gip Dario De Luca, di misura cautelare nei confronti del 26enne.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza