Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Solidarietà ha radici profonde,quando Montano aiutò Casamicciola

Solidarietà ha radici profonde,quando Montano aiutò Casamicciola

Accomunate da disastri naturali, nel 1883 contributo di 100 lire

NAPOLI, 25 novembre 2023, 16:45

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

La solidarietà ha radici profonde come dimostra un documento del Comune di Montiano, paese situato sulle prime colline di Cesena. Si tratta di una piccola comunità dell'area romagnola coinvolta nella spaventosa alluvione della scorsa primavera, che ha devastato decine di comuni, anche nell'entroterra, con numerosi movimenti franosi. Era il 30 luglio 1883, un lunedì mattina, quando la giunta comunale del piccolo paese fu convocata d'urgenza dal sindaco Teopompo Magni. La decisione unanime fu quella di deliberare la somma di 100 lire, con l'effige di Re Umberto I, a favore della popolazione di Casamicciola, colpita dal disastroso terremoto, la sera di sabato 28 luglio 1883. L'epicentro del terremoto raggiunse il decimo grado della scala Mercalli, causando la perdita di 2313 vite, di cui 1784 solamente nel comune di Casamicciola su una popolazione di circa 4300 abitanti. La grande devastazione dell'isola scatenò una notevole solidarietà in tutto il regno e la comunità di Montiano fu parte di questo movimento. A scovare il documento il giornalista e studioso del territorio, Vincenzo Marano. La motivazione ufficiale recitava: "Il sindaco comunica ,con sommo dolore e tristezza l'annuncio che alle ore 21,30 di sabato 28 corrente, un terribile terremoto, di cui la storia non fa riscontri, ha posto in costernazione e lutto l'intera nazione, atterrando letteralmente la popolazione di Casamicciola." La somma di 100 lire fu prelevata dal fondo destinato alle "opere impreviste" su un bilancio totale di circa 3000 lire. Inoltre, si promosse una sottoscrizione fra i privati, il cui contributo fu inviato successivamente alla popolazione ischitana.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza