Ferrari Roma, una one-off dedicata alla cultura giapponese

E' stata prodotta dal reparto Tailor Made di Maranello

Redazione ANSA ROMA

Un esemplare unico di Ferrari Roma per omaggiare la cultura giapponese. Realizzata dal reparto Tailor Made, presenta un look impreziosito da raffinati dettagli ispirati alla tradizione giapponese, senza però rinunciare alla sobria ma sofisticata eleganza dell'originale. Ferrari Tailor Made è il programma dedicato a chi desidera personalizzare ogni elemento della propria Ferrari per dare vita a una vettura in grado di riflettere a fondo carattere e gusti personali.

 

 


    La storia di quest'esemplare unico di Ferrari Roma è cominciata quando a Evan Orensten e Josh Rubin, fondatori della pluripremiata rivista Usa indipendente Cool Hunting dedicata al design, alla cultura e alla tecnologia, è stata offerta l'opportunità di configurare una Ferrari Roma per scoprire fino a che punto potesse spingersi il programma di personalizzazione del Cavallino. I due hanno incontrato Flavio Manzoni, Ferrari Chief Design Officer, nello showroom Ferrari Tailor Made di New York, dove gli hanno proposto di esaminare alcune delle idee e dei materiali scoperti nel Paese del Sol Levante dove erano appena stati, per creare una versione Tailor Made in collaborazione con Cool Hunting.
    Flavio Manzoni e il suo team si sono ispirati alle analogie tra la cultura e la filosofia del design italiane e giapponesi: devozione assoluta alla qualità, sintonia emotiva con il cliente e abilità artigianale d'eccellenza che si tramanda di generazione in generazione. Nasce così la Ferrari Roma caratterizzata da alcuni materiali esclusivi lavorati con le tecniche tradizionali giapponesi, ma rivisitati alla luce del tipico spirito d'innovazione Ferrari per soddisfare i requisiti di funzionalità e durevolezza imprescindibili per un'auto contemporanea ad alte prestazioni.
    La tradizionale tintura giapponese indigo ha ispirato la combinazione di colori della Ferrari Roma e in particolare la colorazione blu brillante degli esterni, sviluppata appositamente per questa vettura e definita Indigo Metal. In Giappone, Orensten e Rubin hanno appreso che la tintura si produce con una pianta che, una volta raccolta e fermentata, viene trasformata nel Sukumo: l'indaco essiccato mescolato a liscivia, sakè e polvere di calcare con cui si crea l'autentica tintura indigo Hon-Ai, usata anticamente per le sue proprietà antibatteriche su biancheria, lenzuola e vestiti. La stessa gamma cromatica è stata usata per collegare esterni e interni della vettura.
    La tonalità indigo si ritrova infatti anche nel tessuto Sakiori impiegato per gli inserti dei sedili e per i tappeti. Il leitmotiv dell'indigo viene ripreso anche dal cielo dell'abitacolo della Ferrari Roma, mentre le maniglie interne delle porte della Roma sono rivestite di pelle nera intrecciata a mano in omaggio allo tsukami, l'antica arte di avvolgere le impugnature delle spade Katana. Da un'azienda a conduzione familiare di Kyoto nota per i suoi iconici contenitori di rame per il tè è nata l'ispirazione per la placcatura che impreziosisce l'iconico cancelletto del cambio e le levette.
    Anche l'arco del doppio cockpit, i cerchi e il Kamon sono color rame. Lo stemma realizzato ad hoc sulla targhetta di personalizzazione incastonata nel bracciolo centrale e sul battitacco è un "Kamon", sigillo tramandato di generazione in generazione nelle famiglie giapponesi. Disegnato da Kyogen, rappresenta una ruota di un carro trainato da buoi (veicolo in voga tra gli aristocratici del periodo Heian, 794 - 1185), le cui otto razze ricordano i pistoni del motore V8 della Ferrari Roma.
    Il numero viene ripreso anche dalle otto creste d'onda che circondano la ruota quale simbolo di fortuna, forza e resilienza. Anche la Ferrari Roma Tailor Made può contare sulle prestazioni del V8 turbo da 620 cv, appartenente alla famiglia di motori che ha vinto per quattro anni consecutivi il premio International Engine of the Year. Verrà esposta nello Showroom Ferrari Tailor Made durante la New York Design Week.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie