Francia, torna idea di abbassare a 110 limite in autostrada

Sindaco Parigi Hidalgo favorevole, Ministro Djebarri è per 130

Redazione ANSA ROMA

Dopo l'introduzione nel luglio 2018 del limite a 80 km/h (anziché 90) sulle strade a doppio senso senza separatore centrale, gli automobilisti francesi potrebbero presto doversi abituare un'ulteriore riduzione della velocità, se dovesse passare la tesi sostenuta dal sindaco di Parigi Anne Hidalgo.
    In una intervista su BFMTV relativa alla sua candidatura alla Presidenza, la Hidalgo si è dichiarata "personalmente favorevole" all'abbassamento della velocità massima autorizzata sulle autostrade se nel maggio del 2022 fosse eletta capo dello Stato. "Sono per la riduzione della velocità - ha detto - poiché la velocità è proporzionale agli incidenti".
    Il magazine francese AutoPlus, nel riferire delle dichiarazioni, sottolinea che è impossibile non stupirsi dell'idea di questo provvedimento, visto che la Hidalgo è anche quella che ha appena introdotto il limite di 30 km/h in quasi tutte le strade di Parigi, ad eccezione di alcuni assi principali o le tangenziali.
    L'associazione 40 Millions d'Automobilistes è passata al contrattacco, con il ribadire che abbassare la velocità di 20 km/h in autostrada è un'idea del tutto assurda. "Le autostrade sono allo stesso tempo la rete stradale dove le velocità praticate sono le più alte ma anche quelle con il minor numero di incidenti, grazie alle infrastrutture che le caratterizzano - ha commentato Pierre Chasseray, delegato generale dell'associazione - L'affermazione (sul limite a 110 ndr) è la prova che il sindaco di Parigi non ha assolutamente alcuna idea dei casi reali".
    AutoPlus ricorda che le autostrade in Francia sono quindi fino a 5 volte meno letali per lo stesso chilometraggio rispetto al resto della rete. Ci sono stati 127 morti nel 2020 su un totale di 2.780 vittime nell'intera rete stradale. E la prima causa di incidenti sulla rete autostradale - fa notare l'articolo - è iil colpo di sonno. Per rendere le autostrade più sicure sarebbe quindi necessario, al contrario, autorizzare velocità più elevate, come ad esempio in Germania.
    Tra l'altro l'attuale ministro dei Trasporti, Jean-Baptiste Djebarri, si era già chiaramente dichiarato sfavorevole a questa proposta: "Ci sono molti settori autostradali dove si viaggia già a 110 e nel resto delle autostrade è perfettamente sicuro guidare a 130".
    Nel giugno 2020 la potente associazione Convenzione dei Cittadini per il Clima aveva organizzato una consultazione popolare a favore di tale provvedimento, ma quasi i tre quarti dei francesi si erano opposti a un limite di 110 km/h sulla rete autostradale.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie