Politecnico Milano, giù immatricolazioni auto elettriche

Nei primi sei mesi dell'anno cali compresi dal 2 al 17%

Redazione ANSA MILANO

Se in Italia il 2021 è stato ancora un anno da record, con ben 137.000 nuove auto elettriche immatricolate (il 65% al Nord e ripartite in maniera omogenea tra Battery Electric Vehicle, Bev, e Plug-in Hybrid Electric Vehicle, Phev) contro le 60.000 del 2020 (+128%), a loro volta quasi il triplo rispetto a quelle del 2019, i primi sei mesi del 2022 hanno segnato una battuta d'arresto: -17% per le Bev e -2% per le Phev considerando lo stesso periodo dello scorso anno.
    È lo scenario che emerge dalla sesta edizione dello Smart Mobility Report redatto dall'Energy&Strategy della School of Management del Politecnico di Milano.
    Le cause sono l'instabilità del contesto geo-politico, la sempre più grave carenza di materie prime e semiconduttori che bloccano la filiera, il costo dell'energia andato alle stelle, ma anche l'incertezza e la successiva rimodulazione degli incentivi all'acquisto, ora rifinanziati fino a tutto il 2024, mentre fino al 2025 (salvo proroghe) si potrà ricorrere al Superbonus per l'installazione di punti di ricarica privati, con una progressiva riduzione della somma spettante, spiega il report della Energy & Strategy School of Management del Politecnico di Milano.

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA
Modifica consenso Cookie