Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Liceo Made in Italy e riforma Its, Uil scuola 'Troppa fretta'

Liceo Made in Italy e riforma Its, Uil scuola 'Troppa fretta'

D'Aprile, provvedimenti approvati senza una discussione

ROMA, 04 gennaio 2024, 17:47

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"E' sorprendente la perizia con la quale i ministri di questo governo si applicano per chiedere risultati alla scuola piuttosto che offrirne. Siamo contenti che anche la presidente del Consiglio parli di scuola, da sempre crediamo che il futuro di questo paese passi inevitabilmente dall'istruzione ma le misure in questione non vanno nella giusta direzione. Mentre è in atto il tentativo di regionalizzare anche il sistema di istruzione e si sponsorizzano in ogni modo i percorsi tecnico professionali, si realizza un liceo del made in Italy. E' questa la ricetta - che passa attraverso la scuola - per lo sviluppo del Paese?". A chiederselo, parlando con l'ANSA, è il segretario Uil Scuola Giuseppe d'Aprile.
    "Un susseguirsi di provvedimenti approvati in modo frettoloso e senza una discussione che richiede invece tempi lunghi. Si tralasciano i veri problemi reali che la scuola vive tutti i giorni, si caricano le scuole e i dirigenti scolastici di ulteriori adempimenti mandando in confusione le famiglie. Il sistema scolastico va supportato a partire dalla stabilità del personale, dal rispetto e dalla giusta retribuzione di chi ci lavora ogni giorno. Partire dai percorsi in atto e rafforzarli in termini di inclusione, di solidità delle strutture, di accesso e opportunità per tutti. Queste sono le urgenze per creare solide basi alla scuola italiana. Diversamente rischiamo di costruire un palazzo senza fondamenta che rischia di crollare alla prima intemperia", conclude il dirigente sindacale.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza