Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Truffa con il superbonus 110%, sequestro da 464mila euro

Truffa con il superbonus 110%, sequestro da 464mila euro

Nel Napoletano: coinvolti due imprenditori e due professionisti

NAPOLI, 07 dicembre 2023, 12:55

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche e indebita compensazione dei crediti: è quanto la Guardia di Finanza di Napoli (Gruppo di Giugliano in Campania) contesta a quattro persone, due imprenditori edili e due professionisti, coinvolte in un'inchiesta, coordinata dalla Procura di Napoli Nord, che ha portato al sequestro di crediti d'imposta per oltre 464mila euro.
    Si tratta di crediti maturati attraverso false attestazioni di interventi antisismici con il Superbonus 110% ma mai realizzati su edifici in cui erano in corso interventi di ristrutturazione ed efficientamento energetico.
    Gli accertamenti delle fiamme gialle sono scattati dopo la denuncia presentata dai condomini che hanno rilevato la presenza dei crediti nei loro cassetti fiscali. Le imprese, è poi emerso, hanno incassato i crediti d'imposta per poi monetizzarli attraverso la cessione a banche e intermediari finanziari.
    Nel provvedimento sequestro il Tribunale di Napoli Nord ne ha tenuto conto e sono stati apposti i sigilli a disponibilità finanziarie, beni mobili e immobili, il cui valore stimato corrisponde all'indebita erogazione percepita dagli indagati.
   
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza