Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

La truffa del bonus, incassa un milione dai domiciliari

La truffa del bonus, incassa un milione dai domiciliari

Nel Napoletano maxi-sequesto da 608 milioni, 105 coinvolti

NAPOLI, 07 dicembre 2023, 19:36

Redazione ANSA

ANSACheck

Bonus edili, maxi sequestro da 607 milioni nel Napoletano - RIPRODUZIONE RISERVATA

Bonus edili, maxi sequestro da 607 milioni nel Napoletano - RIPRODUZIONE RISERVATA
Bonus edili, maxi sequestro da 607 milioni nel Napoletano - RIPRODUZIONE RISERVATA

(di Nando Piantadosi) Nell'arco di un biennio, tra il 2021 e il 2022, hanno salvato oltre un miliardo e mezzo di euro le indagini dei finanzieri di Frattamaggiore e della Procura di Napoli Nord sui crediti accumulati nel Napoletano con i bonus edili, un fiume di denaro che rischiava di essere sottratto all'Erario in quanto utilizzabile per la compensazione delle imposte. Oggi i finanzieri hanno sequestrato quasi 608 milioni di quei crediti, vantati senza diritto.
    Complessivamente sono 105 i soggetti, tra persone fisiche e società, anche extra campani, coinvolti. Tutti, come emerso nel 2021, quando vennero sequestrati ben 903 milioni di euro, hanno attestato falsamente di avere eseguito ristrutturazioni, efficientamenti energetici e adeguamenti sismici avvalendosi del Decreto Rilancio.
    Tra le ditte incaricate dei lavori fantasma anche gelaterie, profumerie, sale giochi e venditori ambulanti, soggetti che nulla hanno a che fare con l'edilizia. Non solo. Tra coloro che hanno incamerato i crediti c'era anche un condannato per ricettazione, un criminale strutturato, che ha ottenuto oltre un milione mentre stava scontando la sua pena ai domiciliari. Tra i rappresentanti delle società coinvolte c'è chi percepiva il reddito di cittadinanza, soggetti più assimilabili alla figura di prestanome che a quella dell'imprenditore. Complessivamente solo tre milioni e mezzo di euro, quindi appena una piccola parte di questi crediti, è stata trasformata in moneta contante negoziando con le banche.
    La procura, coordinata da Maria Antonietta Troncone, a conclusione degli accertamenti eseguiti dalla Guardia di Finanza, ha chiesto e ottenuto dal gip di Napoli Nord il sequestro dei crediti per un importo che supera i 607 milioni e 942mila euro, prevenendo che il danno all'Erario si perpetrasse attraverso la compensazione delle imposte.
    Il reato di truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche viene contestato a 98 persone, che hanno visto oggi i finanzieri svuotare i loro cassetti fiscali dai crediti percepiti illecitamente.
    "L'attività illecita - scrive il procuratore Troncone - è di assoluta gravità, tenuto conto dell'elevatezza delle somme negoziate" che avrebbero potuto "determinare un sensibile nocumento alle risorse pubbliche, depauperate e distolte dalla loro corretta destinazione alla riqualificazione del patrimonio immobiliare nazionale e all'attuazione della transizione ecologica".
    Sempre oggi, la stessa Procura, ma questa volta con i finanzieri di Giugliano in Campania, ha sequestrato a due imprenditori edili e due professionisti della zona crediti d'imposta per oltre 464mila euro frutto di false attestazioni relative a interventi antisismici eseguiti attraverso il Superbonus 110% ma solo sulla carta. Anche in questo caso una parte di quei crediti è stata monetizzata e gli inquirenti contestano ai quattro indagati la truffa aggravata per il conseguimento di erogazioni pubbliche e l'indebita compensazione dei crediti.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza