Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Garanti detenuti, mancano i servizi di salute mentale

Garanti detenuti, mancano i servizi di salute mentale

Anastasia:"teniamo in carcere persone che non dovrebbero starci"

NAPOLI, 10 novembre 2023, 13:54

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"In Italia la situazione è molto grave e delicata e deriva dal fatto che la chiusura sacrosanta degli ospedali psichiatrici giudiziari non ha avuto come conseguenza una attrezzatura dei servizi di salute mentale in carcere e, soprattutto, un rafforzamento di quelli sul territorio". Lo ha detto Stefano Anastasia, portavoce della Conferenza nazionale dei Garanti territoriali, descrivendo la "grave situazione in Italia" di chi è in carcere con problemi psichiatrici o psicologici.
    A margine del convegno "La salute mentale nelle carceri, le misure alternative per coloro che soffrono di disturbi psichici, le articolazioni psichiatriche, le Rems" che si è svolto nella sede della Regione Campania, Anastasia ha spiegato che "molte delle persone che sono in carcere con problemi mentali dovrebbero poter usufruire delle norme che prevedono, per motivi di salute, l'incompatibilità con le condizioni di detenzione.
    Dovrebbero poter essere accolti in strutture alternative esterne, ma queste strutture in gran parte del Paese non esistono. Oppure capita che non vogliano persone che provengono da percorsi penali. Il risultato è che noi teniamo in carcere persone che in carcere non devono stare. E intanto si vive in Italia un rifiuto sociale di queste persone. E questa è, purtroppo, la mentalità che stava dietro al vecchio manicomio e che tuttora resiste: chiudere le persone che hanno problemi di salute mentale tra quattro mura, un tempo quelle del manicomio, oggi del carcere".
    E' un problema di cui non si parla tanto, "ma che - spiega Anastasia - è noto e conosciuto da tutte le autorità politiche nazionali e regionali. Sono consapevoli del problema e in generale si tende troppo spesso a rispondere in termini di strutture. Cioè si pensa 'dove li mettiamo?', quando invece spesso si tratta di un problema di qualità dell'assistenza, quindi di personale, di professionalità che possano farsi carico di queste persone. Parlo di psichiatri, psicologi, terapisti della riabilitazione, che sono fondamentali".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza