'Con Parigi rinfreschiamo la relazione a partire dalla lingua'

Parla Marani, direttore dell'Istituto di Cultura italiano

Redazione ANSA NAPOLI

(ANSA) - NAPOLI, 28 LUG - "Il trattato del Quirinale è un'opportunità gigantesca di dialogo e cooperazione tra Italia e Francia, un'opportunità di conoscerci meglio. Perché è vero che siamo popoli cugini ma non ci conosciamo più: in Italia non parliamo più il francese e solo i francesi più vecchi sanno l'italiano. Serve svecchiare, rinfrescare la relazione e farlo a partire dai giovani". Lo ha detto all'ANSA Diego Marani, direttore dell'Istituto italiano di cultura a Parigi, a margine della Conferenza in corso a Napoli.
    "Esiste una diplomazia europea che può essere affiancata a quella italiana, un livello di azione che sopperisce alle nostre mancanze usando le forze dell'altro. In fondo la cultura europea è una, e appartiene a tutti i Paesi occidentali", ha aggiunto.
    Tra le attività dell'Istituto "alla rentrée, come chiamano i francesi l'autunno, il pezzo forte sarà la salama da sugo ferrarese: ci saranno 5 tipi di salama in gara con degli esperti che le giudicheranno, ma anche il voto del pubblico, nella settimana della cucina italiana nel mondo", ha annunciato il direttore, sottolineando anche l'importanza della cucina come patrimonio culturale. (ANSA).
   

RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA