Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

25 novembre: Tesei, non si può più girare la testa

25 novembre: Tesei, non si può più girare la testa

Per presidente Umbria necessità cambiare i 'paradigmi'

PERUGIA, 25 novembre 2023, 14:34

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"Non si può più girare la testa dell'altra parte, né trovare giustificazioni di alcun tipo. In Italia ogni due giorni una donna viene uccisa, basterebbe questo terribile dato a dipingere il quadro della situazione. Ma questi numeri sono solo la punta dell'iceberg. Dietro agli episodi eclatanti che riempiono le pagine dei giornali e i palinsesti televisivi, vi è un ulteriore mondo sommerso fatto di soprusi, di violenze domestiche, di aggressioni psicologiche, di mancanza di rispetto della dignità": è quanto afferma la presidente della Regione Umbria, Donatella Tesei, nella Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza sulle donne.
    "Se è vero, come è vero, che la donna ha fatto un percorso di affrancamento negli ultimi decenni - evidenzia Tesei in una nota della Regione -, è altrettanto vero che a volte quel percorso ancora si scontra con sacche di resistenza di cultura maschilista. Un cammino che non deve fermarsi e non può essere legato solo alla reazione, giusta e condivisibile, ai fatti di cronaca che colpiscono nel profondo, come quello di Giulia che ci ha toccato il cuore. Ma ci deve essere un impegno quotidiano che coinvolge le istituzioni, le scuole, le famiglie e tutti gli attori sociali. Occorrono sicuramente pene certe, ma ancor prima c'è la necessità di un approccio culturale che cambi i paradigmi e che passi attraverso la prevenzione, attraverso la consapevolezza e la presa di coscienza degli atteggiamenti che, anche se non fisicamente violenti, sono lesivi della dignità. Il valore assoluto e irrinunciabile - conclude la presidente Tesei - è quello del rispetto della persona umana, un rispetto che non permette deroghe di alcun genere, né nel linguaggio né nei comportamenti".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza