Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Assemblea approva il decreto Omnibus della Giunta

Assemblea approva il decreto Omnibus della Giunta

Voto favorevole della maggioranza, contraria minoranza

PERUGIA, 24 ottobre 2023, 16:47

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

L'Assemblea legislativa ha approvato, con 13 voti favorevoli della maggioranza, cinque contrari della minoranza e un astenuto (Andrea Fora-Patto civico), il disegno di legge proposto dalla Giunta, dal titolo "Modificazioni e integrazioni di leggi regionali - norma di abrogazione".
    Illustrando l'atto in Aula, il relatore di maggioranza Daniele Nicchi (misto - presidente prima Commissione) ha spiegato che l'Omnibus "introduce modifiche e integrazioni a norme vigenti dettate da esigenze di carattere organizzativo, tecnico o politico". "La proposta, presentata dalla presidente della Regione Donatella Tesei, prende atto - ha aggiunto - della necessità di modifica di specifici articoli di leggi regionali, dando esecuzione agli impegni assunti con gli uffici ministeriali. La prima parte del disegno di legge contiene modifiche a leggi regionali necessarie e urgenti richieste dagli Uffici ministeriali a seguito dei rilievi effettuati dal Governo in sede di controllo di legittimità delle leggi approvate. Si tratta di modifiche che non hanno effetti finanziari. Il provvedimento interviene sulla legge regionale '15/2021' sull'edilizia residenziale sociale, sulla '16/2021' che modifica il Testo unico del governo del territorio, sulla '1/2022' che istituisce il garante regionale dei diritti delle persone con disabilità, sulla '4/2022' che modifica il testo unico del commercio, sulla '1/2023' per le concessioni di grandi derivazioni idroelettriche in Umbria. Nella seconda parte il provvedimento introduce invece modifiche e integrazioni dettate da esigenze di carattere organizzativo, tecnico o politico. In particolare si interviene sulla '24/2008' per il consorzio Scuola umbra di amministrazione pubblica, sulla legge '6/2009' sul centro per le pari opportunità, sulla '3/2010' che regola la disciplina regionale dei lavori pubblici, sulla '11/2013' dell'ambito territoriale ottimale per i rifiuti gestito dall'Auri, sulla '11/2015' che integra il testo unico sanità e servizi sociali, sulla '6/2006' per il diritto allo studio e Adisu, sulla legge '4/1994' che istituisce il servizio volontario di vigilanza ecologica, sulla '14/1994' che stabilisce i parametri per gli ambiti territoriali di caccia, sulla '15/2008' per la tutela del patrimonio ittico. Gli unici articoli con impatto finanziario riguardano le modifiche agli organi dell'Adisu, prevedendo la sostituzione della figura del direttore generale con quella dell'amministratore unico, al quale compete un compenso inferiore, con conseguente riduzione delle spese di funzionamento dell'Adisu. Inoltre anche le modifiche alla legge '4/1994' sul servizio di vigilanza ecologica, prevede la riduzione del numero dei componenti della commissione di esame e disponendo che la partecipazione alla commissione sia gratuita, determinano un risparmio di spesa".
    Inoltre Nicchi ha ricordato che "in prima Commissione sono stati votati gli emendamenti presentati dalla Giunta e dai consiglieri". "Tra gli altri si segnala - ha aggiunto - quello che ha modificato il Testo unico governo del territorio, dove si porta da 4,5 a 6,5 metri l'altezza massima delle serre mobili stagionali. Innalzamento finalizzato ad un migliore isolamento termico, ad una migliore organizzazione interna dello spazio e ad una migliore luminosità per lo sviluppo delle piante. Un altro emendamento, che modifica il Testo unico regionale per le foreste, prevede la fascia di sosta consentita per i veicoli a motore sulle strade transitabili pari a 3 metri, invece degli attuali 1,5 metri. Con un altro emendamento si è voluto eliminare quella previsione normativa secondo cui il rendiconto dei Gruppi consiliari deve concernere 'esclusivamente' l'impiego dei contributi riconosciuti dall'Assemblea legislativa ai Gruppi per il pagamento delle spese per le attività istituzionali ed il personale. Con un altro emendamento si sono stralciati alcuni articoli per rinviare ad un momento successivo la valutazione delle modifiche da apportare al Testo unico di governo del territorio, tenuto conto che è in atto un processo di modifica della normativa statale di riferimento in materia di disciplina delle costruzioni. Un ulteriore emendamento inserisce l'ipotesi di esonero dal contributo di costruzione 'per le opere da realizzare nelle zone agricole, comprese le residenze, in funzione della conduzione del fondo e delle esigenze dell'imprenditore agricolo professionale'. Inoltre, tenuto conto del fatto che sono necessarie grandi superfici per l'ordinaria gestione dell'azienda e dell'attività produttiva agricola e che gli oneri di urbanizzazione e il costo di costruzione risulterebbero altissimi e sproporzionati rispetto alle effettive esigenze di urbanizzazione, con l'emendamento si prevede un aumento della soglia di superficie fino alla quale il contributo non è dovuto. Un emendamento prevede l'istituzione del Registro regionale degli impianti protesici mammari. Con un emendamento della Giunta si proroga la scadenza dei contratti di conduzione delle Aziende agrarie parte del patrimonio regionale a fine 2028. Infine, con un emendamento dell'ufficio di presidenza, si recepiscono le richieste formalizzate dal presidente dell'Istituto per la Storia dell'Umbria Contemporanea per favorire l'ordinario svolgimento delle attività oltre che agevolare l'approvazione del nuovo Statuto".
    "Mi asterrò - ha spiegato Fora - perché il voto non può essere articolo per articolo ma solo sull'intero provvedimento.
    Questo è un atto totalmente condivisibile, salvo alcuni emendamenti che la maggioranza ha voluto approvare nonostante i pareri tecnici contrari espressi in Commissione".
    "Rivendico il primato della politica" ha detto Valerio Mancini, Lega. "I nostri emendamenti - ha spiegato - sono frutto dell'ascolto delle esigenze dei cittadini. Il nostro compito è quello di migliorare la vita dei cittadini".
    Per Thomas De Luca, M5s, "in questo atto ci sono cose condivisibili ma ce ne sono altre sulle quali non siamo d'accordo".
    "Esprimerò un voto contrario - ha annunciato Simona Meloni, Pd - pur apprezzando alcune cose che sono state inserite in questo atto. Un grande contenitore in cui ci sono delle iniziative positive, ma abbiamo alcune perplessità in questo atto di indirizzo".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza