Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

In Terza commissione il ddl sulle attività cinematografiche

In Terza commissione il ddl sulle attività cinematografiche

Verranno calendarizzate audizioni con i soggetti interessati

PERUGIA, 19 ottobre 2023, 12:14

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

La Terza commissione dell'Assemblea legislativa dell'Umbria, presieduta da Eleonora Pace, si è riunita questa mattina a palazzo Cesaroni per l'illustrazione del disegno di legge della Giunta regionale "Disposizioni in materia di valorizzazione delle attività cinematografiche e audiovisive".
    Questo, come è stato spiegato ai commissari dai funzionari di Palazzo Donini, mira a mettere in risalto l'importanza del settore cinematografico rendendolo autonomo dall'ambito prettamente turistico valorizzando e promuovendo le attività cinematografiche e audiovisive quali strumenti di espressione artistica e creativa, di sviluppo economico e di promozione del territorio, nonché di aggregazione sociale.
    Nel dettaglio - spiega una nota della Regione - la legge persegue la valorizzazione dell'Umbria attraverso lo sviluppo e la diffusione della cultura cinematografica ed audiovisiva, con particolare attenzione alle ricadute economiche e turistiche sul territorio e alla formazione professionale; l'innovazione e la qualificazione dell'offerta cinematografica e audiovisiva; la promozione e il sostegno dell'attività cinematografica e audiovisiva nelle sue varie fasi di sviluppo, produzione e distribuzione; la realizzazione di un sistema regionale di sostegno e valorizzazione delle attività cinematografiche e audiovisive; lo sviluppo e la diffusione di progetti e prodotti cinematografici e audiovisivi innovativi, a livello regionale, interregionale, nazionale e internazionale anche attraverso collaborazioni con lo Stato, le altre Regioni, l'Unione europea e il sistema economico, formativo, produttivo e finanziario.
    Strumento operativo della Regione sarà il "Piano annuale delle attività cinematografiche e audiovisive", che individua le azioni e le attività che hanno luogo nel territorio regionale, gli eventi e i progetti speciali di particolare valore strategico per lo sviluppo delle attività cinematografiche e audiovisive e di promozione del territorio. Vengono definite e specificate le funzioni e gli obiettivi della Fondazione "Umbria film commission", che persegue finalità di pubblico interesse nel comparto dell'industria del cinema e dell'audiovisivo e fornisce supporto e assistenza alle produzioni cinematografiche e audiovisive nazionali e internazionali e, a titolo gratuito, alle amministrazioni competenti nel settore del cinema e dell'audiovisivo.
    Gli uffici di Palazzo Cesaroni predisporranno le istruttorie sul disegno di legge e verranno calendarizzate audizioni con i soggetti interessati alla materia.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza