Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

De Luca (M5s), visita dermatologica impossibile da prenotare

De Luca (M5s), visita dermatologica impossibile da prenotare

'Costretti a scegliere se mangiare o curarsi, è civile?'

PERUGIA, 10 novembre 2023, 14:55

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"In Umbria è stato impossibile per due settimane prenotare una visita dermatologica con prescrizione urgente, ovvero a dieci giorni, da parte del medico di famiglia. La segnalazione ricevuta, purtroppo non la prima in questo senso, è quella di una cittadina umbra che si è trovata a gestire con grande difficoltà una situazione delicatissima riguardo una patologia potenzialmente mortale come il tumore della pelle. Di questa mattina l'ennesima porta in faccia ricevuta al Cup tra la desolazione dell'operatore": lo segnala il consigliere regionale Thomas De Luca (M5s).
    "La misura è colma, siamo di fronte a situazioni drammatiche di persone che non hanno scelta e non si rivolgono al privato semplicemente perché non possono farlo. Può dirsi civile - prosegue De Luca - una Regione che costringe le persone a decidere se mangiare o curarsi? Vogliamo capire il motivo per cui esami come questo risultano imprenotabili al Cup ma allo stesso tempo hanno un indice di soddisfazione del 61% sulla piattaforma online della Regione Umbria per 'Monitoraggio dei tempi di attesa'. E per questo depositeremo nelle prossime ore un'interrogazione urgente su questo caso".
    "La Società italiana di dermatologia - sottolinea il consigliere del M5s - sulla base delle linee guida internazionali, ha identificato l'arco temporale massimo di '30 giorni fra il sospetto di melanoma e la prima visita specialistica dermatologica'. A questi, in caso di diagnosi, vanno aggiunti i tempi per la biopsia e quelli fisiologici per l'esame istologico. Far aspettare mesi le persone davanti a sintomatologie evidenti riscontrate dal medico di famiglia vuol dire restringere l'aspettativa di vita. Tempistiche che fanno la differenza tra la vita e la morte. In una Regione che non fa alcun tipo di screening del melanoma, ma che lascia tutto in mano al privato, tali ritardi sono semplicemente inaccettabili".
   
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza