Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Gli Hack Out! protagonisti a Madrid con jazz e improvvisazione

Gli Hack Out! protagonisti a Madrid con jazz e improvvisazione

Il trio chiude una residenza all'Istituto Italiano di Cultura

MADRID, 29 febbraio 2024, 14:05

Redazione ANSA

ANSACheck
-     RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA

Le sperimentazioni jazz e le sequenze di improvvisazione degli Hack Out! sono state le ultime protagoniste sul palco dell'Istituto Italiano di Cultura (Iic) di Madrid. Il trio italiano ha infatti chiuso ieri sera un mese di residenza artistica nella capitale iberica con un concerto: occasione giusta anche per presentare dal vivo i contenuti del loro terzo disco, composto proprio nel corso del soggiorno in Spagna.
    Gli Hack Out! - ensemble formata da Manuel Caliumi al sax alto, Luca Zennaro alla chitarra e Riccardo Cocetti alla batteria - hanno avuto questa opportunità a Madrid dopo aver presentato il loro progetto, consistente appunto nella realizzazione di un nuovo disco, all'Iic. "Le esperienze di residenza artistica sono molto importanti per lo sviluppo della sensibilità di un artista", ha detto la direttrice dell'Istituto, Marialuisa Pappalardo, "è stato un piacere e un onore accompagnare questi tre giovani musicisti nel loro cammino creativo".
    Come spiegato all'ANSA dopo il concerto da Caliumi, l'esperienza madrilena è stata per gli Hack Out! "molto edificante", perché ha permesso di "lavorare su un repertorio da zero, senza nulla di pre-abbozzato" con continuità per un mese. Allo stesso tempo, per i tre musicisti italiani è anche stato utile, in contemporanea, "conoscere altri musicisti e stare in contatto con la scena locale". Il loro prossimo obiettivo è la registrazione del disco appena composto.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza