Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

A Chicago conferenza su Picasso e i futuristi italiani

A Chicago conferenza su Picasso e i futuristi italiani

ROMA, 27 novembre 2023, 15:28

Redazione ANSA

ANSACheck

Il rapporto tra Picasso e le avanguardie italiane è il tema della conferenza organizzata dall'Istituto Italiano di Cultura di Chicago, in occasione della mostra "Picasso: Fifty Years Later", presso l' Elmhurst Art Museum a 50 anni dalla morte di Pablo Picasso. A raccontare come l'arte dell'artista spagnolo abbia influenzato le opere di Umberto Boccioni, Carlo Carrà, Gino Severini e Luigi Russolo e Giacomo Balla sarà il 2 dicembre Christine Poggi, Direttrice dell'Institute of Fine Arts presso la New York University. Per l'occasione Christine Poggi presenterà il suo libro "In Defiance of Painting: Cubism, Futurism, and the Invention of Collage". La conferenza parte dal racconto di quando l'artista Gino Severini, che risiedeva a Parigi, incoraggia i suoi colleghi futuristi italiani a trascorrere alcune settimane nella capitale francese dove avrebbero avuto l'opportunità di visitare gli studi di Pablo Picasso e Georges Braque. Ciò che gli italiani hanno visto si è rivelato scioccante, ma anche stimolo per un'ulteriore innovazione, portando a successive visite a Parigi che hanno permesso ai futuristi di sviluppare i propri obiettivi e tecniche distintive. Christine Poggi esplora, dunque, le risposte degli artisti al cubismo, e all'arte di Picasso in particolare. Affronta anche i primi esperimenti polimateriali di Giacomo Balla, che, come Picasso, ha iniziato ad impiegare una diversità di materiali in opere pittoriche e scultoree negli anni che portarono alla Prima guerra mondiale.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza