Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Morto presidente Gruppo Brovedani, leader mondiale precisione

Morto presidente Gruppo Brovedani, leader mondiale precisione

Leader mondiale meccanica precisione. Cordoglio Confindustria AA

PORDENONE, 08 dicembre 2023, 20:37

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Confindustria Alto Adriatico ha espresso cordoglio per la scomparsa di Benito Zollia, fondatore e Presidente onorario del Gruppo Brovedani, avvenuta oggi.
    Confindustria definisce Zollia "un Imprenditore illuminato, come tutti lo abbiamo conosciuto e non solo per lo sviluppo impresso alla piccola Brovedani dal 1972 ad oggi, da piccola officina meccanica a multinazionale tascabile leader mondiale della meccanica di precisione", presente in tre Paesi e due Continenti. Zollia "è stato un imprenditore che ha irrorato il territorio friulano - da Gorizia, dove era nato e ha vissuto, a Pordenone, dove ha creato la Brovedani - di iniziative sempre attente all'innovazione, allo sviluppo industriale e alle risorse umane: il Cerit negli anni 1980, Keymec nel 2005 (centro di alta formazione per la meccanica poi evoluto nella LEF odierna), i rapporti con le Università e le oltre 50 tesi sviluppate in azienda che gli sono valse la Laurea Honoris Causa conferitagli dall' Università di Udine nel 2006 e, non da ultimi, i numerosi ruoli ricoperti in Confindustria. Un vero Capitano d'Industria che ci lascia ma che ricorderemo per lo spirito positivo di guardare al futuro che lo ha sempre contraddistinto e che ha infuso in tutti i suoi collaboratori", conclude Confindustria Alto Adriatico.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza