Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Al Santo Spirito a Roma il concerto 'La cura dopo la cura'

Al Santo Spirito a Roma il concerto 'La cura dopo la cura'

Le Quattro stagioni di Vivaldi, con Orchestra Santa Cecilia

ROMA, 04 dicembre 2023, 18:32

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Medici, infermieri, volontari, tecnici di laboratorio e radiologi, vertici dell'ospedale e personale amministrativo: l'intero team dell'Ospedale Santo Spirito in Sassia a Roma ha accolto oggi nelle splendide Corsie sistine del complesso più di 500 pazienti, per un concerto gratuito eseguito da professori dell'orchestra di Santa Cecilia, con le Quattro stagioni di Antonio Vivaldi e i sonetti originali scritti dal musicista veneto per accompagnare la partitura. La musica e la cura sono tornate al centro, portando sollievo e bellezza ai pazienti secondo l'antica tradizione del nosocomio più antico d'Europa, che dal 1100 non ha mai smesso di funzionare ma già dal '600 esisteva come ostello e ospedale per i pellegrini in visita alla tomba di Pietro. "Osler, internista dell'800, diceva: 'un buon medico cura la malattia, un medico eccellente cura la persona che ha la malattia'. La cura del paziente non si esaurisce con la risoluzione del suo problema clinico, anche se il nostro supporto medico è necessario, ma nella ricerca del suo benessere in senso olistico, facendosi carico del malato in modo totale. Oggi il nostro ospite d'onore è il paziente" spiega il dottor Agostino Valenti, responsabile del day hospital di medicina interna del Santo Spirito, da anni medico dell'Orchestra di Santa Cecilia, ideatore dell'evento, di concerto con la direzione sanitaria e generale. Il patrocinio è di Ordine dei medici, Scuola medica e ospedaliera e Acosi, l'associazione culturale degli ospedali storici italiani. "Il logo dell'accademia di Santa Cecilia ha come motto 'Concordia discors', l'armonia nelle diversità. Perché in un'orchestra è il lavoro di tutti che porta al risultato. Un bravissimo primo violino da solo non basterebbe. E oggi noi siamo qui: medici di tutte le unità operative, infermieri, volontari, tecnici, amministrativi, vertici aziendali. Come ospedale vogliamo presentarci in equipe, siamo una squadra che lavora per il benessere totale del paziente, vigilando su di lui, seguendolo in un percorso che per ciascuno è unico", dice ancora Valenti.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza