Libri
  1. ANSA.it
  2. Cultura
  3. Libri
  4. Pnlegge: 23/a, anteprima Pulitzer Cohen, Mannocchi e Fedriga

Pnlegge: 23/a, anteprima Pulitzer Cohen, Mannocchi e Fedriga

Tra gli stranieri Jericho Brown; tra italiani Scurati e Treccani

(ANSA) - PORDENONE, 08 AGO - Sarà la 23/a edizione di pordenonelegge, in programma dal 14 al 18 settembre, a ospitare in anteprima la presentazione del nuovo romanzo del Premio Pulitzer letteratura 2022 Joshua Cohen, "I Netanyahu", in uscita il 7 settembre per Codice Edizioni. Ed è atteso, per la prima volta in Italia, il Premio Pulitzer Poesia 2020 Jericho Brown, con l'anteprima nazionale di "The tradition", la raccolta che lo ha consacrato, in uscita in Italia per Donzelli il prossimo settembre.
    A pordenonelegge 2022 ci saranno oltre 50 anteprime nazionali e una straordinaria presenza di autori stranieri, tra i quali Jhumpa Lahiri, Olivier Norek, Thomas Gunzig, Jeffery Deaver, Jason Mott.
    Tanti anche gli autori italiani: Antonio Scurati verrà ad esempio a completare la trilogia di M con "Gli ultimi giorni dell'Europa" (Bompiani); Andrea Tarabbia sfoglierà "Il continente bianco" (Bollati Boringhieri) scritto a partire da un capolavoro di Goffredo Parise "L'odore del sangue"; Aldo Cazzullo rifletterà su "Mussolini il capobanda" (Mondadori) e Claudio Cerasa su "Le catene della destra" (Rizzoli), Mauro Corona racconterà cosa significa "Arrampicare" (Solferino), Francesca Mannocchi leverà lo sguardo "Oltre il confine" (De Agostini), Carlo Lucarelli dipanerà la trama di "Nero come l'anima" (Solferino) e Massimiliano Fedriga si racconterà con "Una storia semplice. La Lega, il Friuli Venezia Giulia, la mia famiglia" (Piemme). Telmo Pievani spiegherà che "La natura è più grande" (Solferino); Lino Guanciale esordirà nella scrittura con una storia visionaria, "Inchiostro" (Round Robin). Infine, ci sarà, attesissima, l'anteprima del nuovo Dizionario Treccani della lingua italiana, diretto da Valeria Della Valle e Giuseppe Patota: novità rivoluzionarie per contrastare anche attraverso la lingua le discriminazioni di genere, e tanti neologismi, da lockdown a smart working. (ANSA).
   

        RIPRODUZIONE RISERVATA © Copyright ANSA

        Video ANSA



        Modifica consenso Cookie