Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Genovese, non amo Perfetti sconosciuti di Alex De La Iglesia

Genovese, non amo Perfetti sconosciuti di Alex De La Iglesia

'Ha stravolto la storia'

PERUGIA, 01 ottobre 2023, 13:49

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Il registra Paolo Genovese avrebbe odiato l'adattamento diello spagnolo Alex De La Iglesia di Perfetti Sconosciuti - suo grande successo di cui sono stati realizzati remake in tutto il mondo - perché "ha stravolto la storia" mentre si è divertito molto a vedere i remake cinese e coreano.
    Ospite alla prima edizione di Castiglione del cinema - riferiscono gli organizzatori - sul palco con il direttore artistico Emanuele Rauco, il regista ha tenuto una masterclass, spiegando, fra l'altro, di essere "terrorizzato dal rifare qualcosa di già visto, spero sempre di raccontare storie che siano nuove per me per primo" .
    "La creatività è un elemento fondamentale per guardare le cose in modo diverso" ha detto per poi lasciarsi andare ad alcuni ricordi curiosi sugli esordi.
    "Vi racconto un episodio che mi ha segnato la vita.
    Incantesimo Napoletano è stato il primo corto che ho fatto in assoluto ed è stato selezionato al Festival di Locarno. Lì davano molta attenzione ai giovani poiché i corti selezionati venivano proiettati prima dei film importanti in una piazza che è probabilmente il più grande cinema all'aperto del mondo.
    Nemmeno quando ho vinto il David ero così emozionato e quando è toccato a me il corto è stato proiettato completamente sfocato per un errore tecnico. Mi veniva da piangere, eppure ho vinto con la motivazione che avevo avuto il coraggio di aver raccontato una storia di disagio per la tecnica del fuorifuoco e mi ha segnato per sempre".
    "Quando scrivo una sceneggiatura - ha quindi spiegato - non penso mai all'attore che andrà ad interpretarla. Il rischio che c'è è quello di avere difficoltà a creare veri personaggi cinematografici. Gli attori tendono a stare nella loro comfort zone e fare ruoli vicini alla loro indole, ma recitare per me è essere altro da se stessi. A volte infatti io vado in controtendenza scegliendo attori con caratteristiche diverse" ha detto il regista, aggiungendo che "la sceneggiatura è come un manuale di Ikea".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza