Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

'La Madama' torna a casa in Senato

'La Madama' torna a casa in Senato

Esposto quadro di Margherita d'Austria, accordo con gli Uffizi

ROMA, 06 dicembre 2023, 21:06

di Francesca Pierleoni

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

"Il Parlamento è la più alta espressione della sovranità popolare, il Senato è la casa degli italiani, è come se questo quadro venisse prestato a tutti gli italiani". Lo dice il ministro della Cultura Gennaro Sangiuliano alla presentazione in Senato del ritratto settecentesco di Margherita d'Austria, detta la Madama (da lei il nome del Palazzo), attribuito al pittore Anton Domenico Gabbiani che grazie a un accordo con gli Uffizi sarà esposto in Senato fino all'estate 2024, ma "se l'iniziativa avesse un enorme successo non sono escluse proroghe", sottolinea il direttore degli Uffizi Eike Schmidt. "Il valore della storia è il valore del nostro passato" e portare qui questo quadro che evoca il palazzo, "ci riconduce alla nostra identità. Si incardina in un intreccio importante di storia" aggiunge il ministro. Margherita d'Austria (1522 - 1586), figlia naturale di Carlo V e duchessa di Parma e Piacenza, moglie di Alessandro De Medici, alla morte nel marito nel 1537, ebbe in usufrutto e visse nel palazzo (che appartenne alla famiglia fiorentina e ai Granduchi di Toscana fino al XVIII secolo). Il quadro, "fa parte della cosiddetta serie aulica, esposta agli Uffizi, dedicata ai ritratti dei Medici, che comprende anche tutte le mogli e i figli. Fu commissionato dall'ultima dei Medici, Annamaria Luisa de Medici, che era anche elettrice palatina perché sposata a un principe tedesco. Tornata a Firenze fa completare la serie aulica - spiega Schmidt -.
    Riproduce un quadro del '500, che non ci è pervenuto. Quindi questa è una doppia testimonianza, perché è un quadro del '700 che ne riproduce un altro del 500, probabilmente più piccolo .
    Verosimilmente quello non esiste almeno nelle collezioni statali. Potrebbe ancora essere nelle soffitte di qualche famiglia nobiliare e chissà che la presenza qui del rquadro non aiuti anche a ritrovare il modello". Comunque avere in Senato, "che è il cuore della Repubblica italiana" il ritratto (sarà esposto nella sala dello Struzzo) è "un enorme onore per gli Uffizi, il museo più rappresentativo dell'arte italiana essere qui con questo ritratto". Poter esporre il ritratto "qui è un'occasione importante, anche perché fa vedere plasticamente la figura di una donna che ha avuto un percorso di vita oggi inimmaginabile - dice il presidente del Senato Ignazio la Russa -. Fa capire l'evoluzione del rapporto famigliare e umano e anche la crescita, per fortuna, nei secoli, del ruolo delle donne fino a essere paritetico se non superiore all'uomo". Margherita d'Austria che nella seconda parte della sua vita fu anche attiva politicamente come governatrice dei Paesi bassi spagnoli e signora di vari feudi italiani, "fu promessa a 11 anni, sposata da Alessandro de Medici a 14 e vedova a 15 - ricorda La Russa, -. Ora abiterà qui in questo palazzo che da lei prende il nome e ringrazio tutti quelli che hanno fatto si che il quadro potesse arrivare quasi stabilmente al Senato". Il ministro Sangiuliano annuncia anche di essere al lavoro per riportare in Italia "il famoso quadro di Mazzini morente, sia pure in prestito, da un grande museo americano. Sarà una nuova occasione per ricordare la grande figura di Mazzini".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza