Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Al Museo di Capodimonte la collezione 'Damasa' di Tosatti

Al Museo di Capodimonte la collezione 'Damasa' di Tosatti

Installazione dedicata ad Anna Maria Ortese al secondo piano

NAPOLI, 02 dicembre 2023, 15:28

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

'Damasa' di Gian Maria Tosatti, 'casa dell'anima' di Anna Maria Ortese, trova dimora a Capodimonte. L'installazione ambientale, il cui titolo deriva dal nome che la scrittrice diede a uno dei personaggi del romanzo sperimentale 'Il porto di Toledo', è allestita permanentemente nella sala 82 della Reggia, affacciata verso il porto, in continuità con la Sezione di Arte contemporanea, lungo il percorso espositivo dedicato al Seicento.
    L'acquisizione in collezione si è realizzata grazie al sostegno del PAC 2022-2023 - Piano per l'Arte Contemporanea, promosso dalla Direzione Generale Creatività Contemporanea del Ministero della Cultura.
    L'opera riproduce uno spazio domestico: in una camera unica, circondata da cumuli di cenere e di giornali bruciati. Su un vecchio pavimento, trovano spazio alcuni mobili, un letto, un tavolo e una sedia, su di essi è in corso una trasformazione: il legno, le lenzuola o un pezzo di pane mutano la loro sostanza in onice bianco.
    Con l'artista a presentare l'opera sono stati il direttore del Museo Sylvain Bellenger, curatore del progetto, Angela Tecce, Presidente della Fondazione Donnaregina, Francesca Gallo per la Galleria Lia Rumma, Luciana Berti, assistente di direzione del Museo. Esposte all'ingresso della sala le sculture 'Levriera che allatta i cagnolini' (1839) e 'Gesù Nazareno' (ante 1857), legate alla produzione dello scultore Giuseppe Vaccà, nonno materno dalla scrittrice napoletana, spesso evocato nelle sue pagine. Realizzata ed esposta a Napoli nel 2017, 'Damasa' è un tributo alla principale autrice che la città ha avuto nel suo Novecento letterario, morta in solitudine a centinaia di chilometri di distanza. La stanza trasfigurata è simile alle tante in cui ha vissuto tra Roma, Milano, Genova e Rapallo dove morì nel 1998.
    L'installazione intende restituire una casa ad Ortese in città. Quella della sua giovinezza, al porto, venne distrutta dai bombardamenti. È il 1953 l'anno della sua partenza, lo stesso in cui pubblica 'Il mare non bagna Napoli', che le costò l'emarginazione dall'ambiente culturale cittadino e un esilio forzato che non finì mai.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza