Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

A Palazzo Blu di Pisa il 'Buon Samaritano' di Riminaldi

A Palazzo Blu di Pisa il 'Buon Samaritano' di Riminaldi

Acquistato dalla Fondazione Pisa per il museo

PISA, 22 novembre 2023, 16:02

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

A distanza di un anno dall'acquisizione del 'Cristo e la Samaritana al pozzo' di Artemisia Gentileschi, la Fondazione Pisa ha presentato oggi l'acquisizione di un dipinto di Orazio Riminaldi (1593-1630), pittore pisano formatosi a Roma nelle più importanti botteghe del tempo e rientrato a Pisa per realizzare la cupola del duomo, in occasione del restauro della cattedrale coordinato da Curzio Ceuli.
    'Il buon Samaritano' (1625-1630), che entra a far parte del percorso museale di Palazzo Blu dopo un accurato restauro. Il dipinto, attribuito al Riminaldi da Pierluigi Carofano e Franco Paliaga già nei primi anni 2000, rappresenta il buon Samaritano che nel Vangelo di Luca (X,30-37) si prende cura del viandante aggredito dai briganti e lasciato moribondo sulla strada che da Gerusalemme porta a Gerico. Il Samaritano è raffigurato nel momento in cui versa una mistura di olio e vino nella ferita del viandante, steso nudo in diagonale nella composizione della scena. Dal punto di vista stilistico, spiega la nota della Fondazione Pisa, "l'opera presenta evidenti affinità con la produzione matura del Riminaldi, tra il 1625 e il 1630: il buon Samaritano deve molto alla lezione del caravaggismo europeo, stemperato però dalla lezione dei Carracci, di Lanfranco e del Guercino verso uno stile più dolce e meditato". In occasione dell'evento, la collezione d'arte di Palazzo Blu, all'interno della quale è stato collocato 'Il buon Samaritano' sarà visitabile gratuitamente da giovedì a domenica.
    "La Fondazione Pisa - osserva il suo presidente Stefano Del Corso - è da sempre molto attenta al recupero di opere d'arte e testimonianze di valore storico e culturale riguardanti Pisa e il suo territorio, da inserire nella collezione di Palazzo Blu".
    Secondo il sindaco, Michele Conti, "è un'acquisizione prestigiosa, dopo quella di uno dei capolavori di Artemisia Gentileschi; entrambe frutto di una politica lungimirante del museo che, attraverso la collezione permanente, offre ai pisani e ai turisti un'occasione di crescita culturale".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza