/ricerca/ansait/search.shtml?tag=
Mostra meno

Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Teatro: debutta a Catania 'La scattiàta', di Silvana Grasso

Teatro: debutta a Catania 'La scattiàta', di Silvana Grasso

Pièce inedita in prima assoluta diretta da Salvo Piro

CATANIA, 21 marzo 2023, 13:03

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

Andrà in scena in prima assoluta sabato 25 marzo alle 21 nel Piccolo Teatro di Catania 'La Scattiàta', pièce inedita firmata dalla scrittrice Silvana Grasso, diretta da Salvo Piro e prodotta dal Teatro della città - Centro di produzione teatrale. Lo spettacolo sarà replicato l'indomani alle 17.30. In scena Franco Mirabella e Manuela Ventura. Il debutto della pièce è in programma per sabato 25 marzo, ore 21 (replica domenica 26 marzo, ore 17.30).
    "La Scattiàta, Rosita Romeo, e il presidente di Corte d'Appello, Nannino Vannantò - dice Silvana Grasso, qui alla sua prima drammaturgia - sono due facce dello stesso fallimento. Il Sessantotto, la certezza di ripiantare il mondo, di spezzare il giogo dell'asservimento, della palude sociale, delle carriere assicurate dal ruolo dei padri". "La Scattiàta e Vannantò - aggiunge - entrambi giovanissimi.
    Lei bellissima laureanda in filosofia, affascinante, sulle barricate della rivolta sessantottina che doveva cambiare il mondo. Lui, bruttino timido insignificante laureando in legge con il viso sfigurato da uno spaventoso angioma. La vita adulta, la mancanza di coraggio, l'opportunismo travolgono tutti senza esclusione, tranne la Scattiàta che, proprio per avere tenuto fede alla sua militanza, tutti considerano 'scattiàta', fuori di testa, così assolvendo carriere fondate su reati e misfatti d'ogni tipo". "Fortunosamente - conclude - si rivedono quarant'anni dopo, lui presidente di corte d'appello, da sempre innamoratissimo di Rosita. Lei sfigurata nel corpo dalla miseria e dal tempo, che non ne ha però asservito e prostituito gli ideali. Fingono di non riconoscersi, ma ognuno sa bene chi è l'altro. Tra i due un dialogo serratissimo, a tratti drammatico a tratti poetico, metafora di un più grande dramma, essere uomini".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza