Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

La Via Appia, candidata per l'Unesco, in mostra a Roma

La Via Appia, candidata per l'Unesco, in mostra a Roma

La Regina Viarum in 5 secoli di disegni, incisioni e fotografie

ROMA, 19 settembre 2023, 19:58

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

La Regina Viarum si mette in mostra a Roma con una esposizione, inaugurata oggi all'Istituto Centrale per la Grafica di Roma, di disegni, incisioni, matrici, libri e fotografie dal Cinquecento al Novecento, dedicata alla celebre strada consolare.
    Ideata in occasione della sua candidatura alla Lista del Patrimonio Mondiale dell'Unesco proposta dal Ministero della Cultura lo scorso gennaio, l'esposizione, curata da Gabriella Bocconi e ospitata nelle sale dell'istituto fino al 7 gennaio 2024 intende celebrare il prototipo dell'intero sistema viario romano e le numerose testimonianze infrastrutturali, archeologiche e architettoniche presenti lungo il suo percorso che rappresentano un patrimonio culturale di eccezionale importanza.
    Sono in mostra circa 70 opere, selezionate tra le oltre 300 presenti nelle collezioni dell'Istituto dedicate all'antica Regina Viarum, che raccontano la fortuna iconografica dell'Appia con opere di Giovan Battista Piranesi, Marteen Van Heemskerck, Etienne Du Perac, Walter Crane, Umberto Prencipe, Luigi Rossini, Felice Giani, Nicolas Didier Boguet, Philipp Hackert.
    "Una strada non è mai soltanto un tracciato, perché le sovrapposizioni storiche così come i bivi e gli incroci sempre la rendono un flusso di informazioni, impressioni, emozioni" dice Maura Picciau, direttrice dell'Istituto Centrale per la grafica.
    Da Roma a Brindisi, la mostra presenta attraverso le opere come i diversi linguaggi della grafica hanno raccontato l'Appia antica e i territori a essa collegati, dall'interesse prevalentemente archeologico del XVI secolo, al paesaggio romantico, fino allo sguardo fotografico delle immagini di Otto/Novecento di Alinari e Moscioni e delle foto di documentazione del Fondo Cambellotti.
    Una mostra in cui, spiega Gabriella Bocconi, "disegni, incisioni e fotografie si intersecano in analogie visive e descrivono una porzione del Paese che ancora oggi colpisce per le suggestioni derivate dalle bellezze naturali e monumentali".
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza