Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Argentina, alla scoperta del nord sulle rotte della natura

Argentina, alla scoperta del nord sulle rotte della natura

Da Salta alle Montagne colorate, una gemma ancora nascosta

BUENOS AIRES, 04 ottobre 2023, 14:23

Redazione ANSA

ANSACheck

- RIPRODUZIONE RISERVATA

- RIPRODUZIONE RISERVATA
- RIPRODUZIONE RISERVATA

(di Ludovico Mori) Dalle montagne arcobaleno al 'Treno per le nuvole' il "Norte Argentino" resta un tesoro nascosto, ma non ancora per molto. "Già oggi è la destinazione nazionale più ricercata ed ha un enorme potenziale di crescita", spiega il ministro del Turismo, Matias Lammens, che alla fiera internazionale del settore (Fit), a Buenos Aires, ha annunciato lo sviluppo dell'accoglienza delle province settentrionali (Salta, Jujuy, Catamarca, Tucuman, Santiago del Estero e La Rioja).
    Per farlo, l'esecutivo ha messo in campo programmi di finanziamento per le infrastrutture e per la creazione delle cosiddette "Rutas Naturales" (Rotte della natura). Una promozione accompagnata anche dal rafforzamento dei collegamenti aerei interni tra Buenos Aires e le capitali provinciali con la compagnia di bandiera Aerolineas Argentinas e le low cost Fly Bondi e Jet Smart.
    Itinerari che non possono prescindere da Salta 'la linda', la bella. La più grande città del Nord del Paese, che col suo centro storico in stile coloniale ha tutte le caratteristiche di un gioiello. Dalla Basilica al Pantheon delle Glorie del Nord, il luogo dove riposano personalità storiche, la città nasconde angoli imperdibili, fino alla cima della collina di San Bernardo.
    Ma la visita di Salta non può dirsi completa senza un assaggio dei suoi sapori tipici, con le empanadas piccanti, i tamales (involtini preparati con un impasto a base di mais e ripieno), la humita (una zuppa di mais), il locro (un minestrone di carne e verdure), la carne di lama, o ancora il formaggio col chayote (una varietà di zucchino spinoso). Pietanze spesso cotte in forni d'argilla, per un sapore ancora più intenso, con ricette in larga parte risalenti all'epoca coloniale.
    Salta, a 1200 metri d'altitudine, in prossimità degli altopiani andini, è anche il punto di partenza per esplorare la regione, che a San Antonio de los Cobres riserva l'esperienza unica del 'Tren a las nubes', il Treno per le nuvole. Una linea ferroviaria costruita oltre 60 anni fa, per portare cibo e materiali alle miniere del deserto cileno di Atacama, e che per 200 km attraversa i paesaggi più magici del territorio. E nel suo punto più alto oggi raggiunge i 4.200 metri sul livello del mare, sul viadotto La Polvorilla, un ponte metallico, sospeso nel cielo.
    Ma le emozioni continuano con l'Hornocal, la montagna dei Sette Colori, nella Quebrada di Purmamarca. Uno scenario degno dei dipinti di Salvador Dalì, per l'intensa gamma cromatica dovuta alla storia geologica e alla ricchezza dei minerali, che ha visto la sedimentazione in sequenza di depositi marini e fluviali, fino a undici strati. Sfumature che cambiano col mutare della luce.
    Il viaggio riprende col paesaggio lunare di Salinas Grandes, il terzo deserto di sale più esteso del pianeta, per sperimentare il fascino di camminare su una superficie cristallizzata perdendosi nel silenzio.
    E ancora, ad una ventina di chilometri, a Tilcara, non può mancare una visita al sito archeologico pre-Inca, fortezza che domina la cittadina dall'alto.
    E' la provincia di Jujuy, l'ultima del nord dell'Argentina, al confine con Bolivia e Cile, dove le strade collegano Purmamarca a San Pedro de Atacama. Qui lo chef Walter Leal, uno dei fondatori del movimento della Cucina Andina, riunisce a Maimará il suo laboratorio di ricerca per documentare la varietà dell'offerta gastronomica. Tra i piatti tipici si ricordano il Calapurca (zuppa con peperoncino macinato e brodo di manzo), la Zuppa Majada (zuppa con carne disidratata) la Tistincha (stufato di agnello o lama).
    E non mancano neppure i vini autoctoni, con la Quebrada de Humahuaca pioniera nella realizzazione di diversi vigneti in alta quota.
   

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza