Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Nell’Europa medievale si curava la lebbra con lo zenzero

Nell’Europa medievale si curava la lebbra con lo zenzero

Trovato per la prima volta nel tartaro dentale di resti antichi

20 febbraio 2024, 16:03

di Benedetta Bianco

ANSACheck

Nell’Europa medievale si usava lo zenzero per curare la lebbra (fonte: immagine generata dal sistema di IA Microsoft Bing - Image Creator) - RIPRODUZIONE RISERVATA

Nell’Europa medievale si usava lo zenzero per curare la lebbra (fonte: immagine generata dal sistema di IA Microsoft Bing - Image Creator) -     RIPRODUZIONE RISERVATA
Nell’Europa medievale si usava lo zenzero per curare la lebbra (fonte: immagine generata dal sistema di IA Microsoft Bing - Image Creator) - RIPRODUZIONE RISERVATA

Nell’Europa medievale si usava lo zenzero come ingrediente medicinale per curare la lebbra: la sua presenza è stata individuata per la prima volta nel tartaro dentale appartenente ad antichi resti provenienti dal lebbrosario inglese di Peterborough e la sua scoperta potrebbe rappresentare la più antica evidenza archeologica in Europa dell’uso curativo dello zenzero. Il risultato si deve ad un gruppo di ricercatori italiani e inglesi guidato dall’Università Sapienza di Roma, al quale ha preso parte anche l’Università Tor Vergata. Lo studio, pubblicato sulla rivista Scientific Reports, apre nuove prospettive nella ricerca archeologica della medicina medievale.

“Lo zenzero è una spezia di origine esotica che in passato era difficile da reperire e quindi particolarmente costosa, era impiegato nella composizione di preparati medicinali poiché si riteneva possedesse proprietà terapeutiche utili per curare diverse malattie e in particolare la lebbra”, spiega Elena Fiorin della Sapienza, che ha guidato lo studio: “Finora però, non era mai stata individuata un’evidenza archeologica dell’uso dello zenzero in associazione con la lebbra”.

“Questi risultati sono un’ulteriore conferma di come il tartaro, un deposito di placca dentale mineralizzata che si forma sui denti, ci restituisca dati importantissimi – afferma Emanuela Cristiani della Sapienza, co-autrice dello studio – che ci permettono di ricostruire la dieta, lo stato di salute, e le condizioni di vita delle popolazioni antiche”. Ma non solo: attraverso innovative tecniche di estrazione e sequenziamento del Dna è possibile analizzare il materiale genetico appartenente ai microorganismi che abitavano nel cavo orale degli individui, il cosiddetto microbioma orale. “La matrice minerale del tartaro dentale, infatti – aggiunge Marica Baldoni di Tor Vergata, tra le autrici dello studio – permette al Dna batterico di conservarsi a distanza di secoli e anche millenni”.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

Guarda anche

O utilizza