Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Luci puntate su Grace Hopper, eroina dimenticata dell’informatica

Luci puntate su Grace Hopper, eroina dimenticata dell’informatica

In occasione della Settimana nazionale delle discipline Stem

06 febbraio 2024, 10:31

di Benedetta Bianco

ANSACheck

Grace Hopper, con la tasiera di un pc (fonte: Alexandre Dulaunoy, da Wikipedia) - RIPRODUZIONE RISERVATA

Grace Hopper, con la tasiera di un pc (fonte: Alexandre Dulaunoy, da Wikipedia) -     RIPRODUZIONE RISERVATA
Grace Hopper, con la tasiera di un pc (fonte: Alexandre Dulaunoy, da Wikipedia) - RIPRODUZIONE RISERVATA

In occasione della Settimana nazionale delle discipline Stem, che comprendono scienza, tecnologia, ingegneria e matematica, in programma per la prima volta dal 4 all’11 febbraio e che culminerà nella Giornata internazionale delle donne e delle ragazze nella scienza, la Scuola Superiore Sant'Anna di Pisa punta i riflettori su una delle ‘eroine’ dimenticate dell’informatica: Grace Hopper, matematica e militare statunitense, che coniò il termine ‘bug’, entrato nel linguaggio comune per indicare errori di programmazione.

Il 9 febbraio, il professore dell’Ateneo Andrea Vandin terrà una lezione dedicata agli studenti delle scuole superiori, che è stata anche scelta dall’alleanza universitaria Eelisa della Commissione Europea, a cui in Italia aderiscono Scuola Superiore Sant'Anna e Scuola Normale Superiore, come esempio di “buona pratica per sostenere le carriere femminili nelle materie Stem”. Grace Hopper, vissuta tra il 1906 e il 1992, è rimasta una figura poco nota al grande pubblico nonostante sia ritenuta la ‘madre’ dei linguaggi di programmazione moderni. È stata, ad esempio, una delle ideatrici del linguaggio di programmazione Cobol, disegnato appositamente per elaborare dati commerciali e usatissimo ancora oggi nei sistemi informatici delle banche.

Fu lei a inventare il termine ‘bug’, quando trovò un vero e proprio insetto (che è la traduzione letterale del termine inglese) negli ingranaggi di uno dei primi calcolatori al mondo, il Mark2. “Al Sant’Anna tengo due corsi di introduzione alla programmazione e all'Intelligenza Artificiale rivolti a 'non informatici': il dato che può apparire sorprendente è che a questi corsi la percentuale di studentesse è maggiore rispetto a quelle che si incontrano nei percorsi Stem”, afferma Vandin. “È purtroppo noto, infatti, che nelle discipline Stem vi sono troppe poche donne. Questo è un fenomeno internazionale – aggiunge il professore della Scuola Sant’Anna – influenzato forse da una percezione negativa che le ragazze hanno verso queste discipline”.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza