Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Anche le scimmie ricordano i vecchi amici, dopo 25 anni VIDEO

Anche le scimmie ricordano i vecchi amici, dopo 25 anni VIDEO

Capacità ereditata da un antenato comune

21 dicembre 2023, 11:30

di Leonardo De Cosmo

ANSACheck

Le scimmie ricordano amici e amiche che non vedono da tantissimo tempo, anche da 26 anni: la loro è la memoria sociale non umana più duratura finora documentata. A scoprirlo è stato il gruppo di ricerca guidato da Laura Lewis, dell’Università della California a Berkeley, e pubblicato sulla rivista dell’Accademia delle Scienze degli Stati Uniti Pnas, che dimostra che questa capacità potrebbe avere origini da un antenato comune di umani e scimmie decine di milioni di anni fa.

 

 

 

“Tendiamo a pensare che le grandi scimmie siano molto diverse da noi – ha detto Lewis – ma in realtà abbiamo visto che questi animali sono in possesso di meccanismi cognitivi molto simili ai nostri, compresa la memoria”. Per verificare questo loro capacità i ricercatori hanno usato dei dispositivi per il tracciamento oculare, per analizzare con precisione come muovono gli occhi e su cosa si focalizzano, quando a un gruppo di scimpanzè e bonobo sono state mostrate immagini di altre scimmie, di cui alcune erano state loro compagne per periodi più o meno lunghi.

Le foto erano sia di scimmie con cui non erano mai stati in contatto che di individui con cui erano stati in contatto in precedenza, tra 9 mesi e 26 anni prima. I dati hanno messo in luce che sia gli scimpanzè che i bonobo si soffermavano nella gran parte dei casi sulle immagini dei loro vecchi amici, in particolare quelli con cui avevano avuto rapporti positivi. Il caso più estremo è stato con la bonobo Louise che in ogni sessione si è soffermata molto a lungo sulle foto della sorella Loretta e la nipote Erin che non vedeva da più di 26 anni. Una memoria sociale così duratura, condivisa anche dagli umani, suggerisce – dicono i ricercatori – che questa capacità esistesse probabilmente già milioni di anni fa nei nostri antenati comuni. Una memoria che ha gettato le basi per l’evoluzione della cultura umana e avrebbe forse permesso forme di interazione complesse come il commercio tra gruppi diversi – che si vedono dunque raramente – che necessitano di mantenere la memoria per molti anni.

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza