Se hai scelto di non accettare i cookie di profilazione e tracciamento, puoi aderire all’abbonamento "Consentless" a un costo molto accessibile, oppure scegliere un altro abbonamento per accedere ad ANSA.it.

Ti invitiamo a leggere le Condizioni Generali di Servizio, la Cookie Policy e l'Informativa Privacy.

Puoi leggere tutti i titoli di ANSA.it
e 10 contenuti ogni 30 giorni
a €16,99/anno

  • Servizio equivalente a quello accessibile prestando il consenso ai cookie di profilazione pubblicitaria e tracciamento
  • Durata annuale (senza rinnovo automatico)
  • Un pop-up ti avvertirà che hai raggiunto i contenuti consentiti in 30 giorni (potrai continuare a vedere tutti i titoli del sito, ma per aprire altri contenuti dovrai attendere il successivo periodo di 30 giorni)
  • Pubblicità presente ma non profilata o gestibile mediante il pannello delle preferenze
  • Iscrizione alle Newsletter tematiche curate dalle redazioni ANSA.


Per accedere senza limiti a tutti i contenuti di ANSA.it

Scegli il piano di abbonamento più adatto alle tue esigenze.

Un test del sangue indica quale organo invecchierà prima

Un test del sangue indica quale organo invecchierà prima

Riguarda un adulto over 50 su cinque

07 dicembre 2023, 12:20

Benedetta Bianco

ANSACheck

Un 'analisi del sangue indica il grado di invecchiamento degli organi, dal cuore ai polmoni (fonte: SomkiatFakmee da iStock) - RIPRODUZIONE RISERVATA

Un 'analisi del sangue indica il grado di invecchiamento degli organi, dal cuore ai polmoni (fonte: SomkiatFakmee da iStock) - RIPRODUZIONE RISERVATA
Un 'analisi del sangue indica il grado di invecchiamento degli organi, dal cuore ai polmoni (fonte: SomkiatFakmee da iStock) - RIPRODUZIONE RISERVATA

Quasi 1 adulto su 5 sopra i 50 anni apparentemente sano possiede un organo che invecchia ad un ritmo accelerato rispetto agli altri, facendo quindi aumentare il rischio di malattie importanti. La buona notizia è che un semplice test del sangue potrebbe essere sufficiente a dire in anticipo qual è l'organo in questione, indirizzando le cure mediche addirittura prima che la persona si ammali. La scoperta arriva dallo studio guidato dall'Università americana di Stanford e pubblicato sulla rivista Nature, che ha coinvolto più di 5.600 persone.

Invece di stimare semplicemente l'età biologica di un individuo nel suo complesso, i ricercatori hanno fatto un passo in più, fornendo un'età per ciascuno degli 11 organi e tessuti principali, dal cuore al sistema immunitario, dal cervello al tessuto muscolare.

"In Italia facciamo ancora fatica a ragionare in termini di prevenzione, ma è una cosa di cui abbiamo assolutamente bisogno: l'aspettativa di vita aumenta sempre più, ma noi dobbiamo cercare di far aumentare quella in buona salute", dice all'ANSA Maria Luisa Malosio, ricercatrice all'Istituto di Neuroscienze del Consiglio Nazionale delle Ricerche. "Questo lavoro va proprio in quella direzione. Ad esempio - prosegue - sarebbe interessante analizzare sotto questo aspetto le popolazioni di centenari che abbiamo nel nostro Paese, per capire le differenze rispetto ad altre popolazioni".

Utilizzando tecnologie già disponibili in commercio e un algoritmo progettato appositamente, gli autori dello studio che vede come primi firmatari Hamilton Oh e Jarod Rutledge hanno valutato i livelli di migliaia di proteine nel sangue dei partecipanti. In questo modo ne hanno trovandone circa 850 associate in modo affidabile allo stato di salute dei vari organi e rilevabili con un'analisi del sangue. Per ciascuno degli 11 organi, è stata stimata la differenza tra l'età effettiva e quella indicata da questi marcatori biologici: con l'unica eccezione dell'intestino, più la differenza era elevata più aumentava il rischio futuro di decesso, con una percentuale compresa tra il 15% ed il 50% a seconda dell'organo coinvolto.

Ad esempio, un cuore più 'vecchio' porta ad una probabilità maggiore di sviluppare fibrillazione atriale e infarto, mentre un invecchiamento accelerato dei reni mette a rischio per ipertensione e diabete. L'Alzheimer, invece, risulta associato non solo all'età del cervello, ma anche a quella del sistema vascolare. "Questo è un aspetto interessante - commenta la ricercatrice dell'In-Cnr - suggerisce che si tratta di una patologia multifattoriale, la cui origine non risiede solo nel cervello".

Poter ottenere queste informazioni con una semplice analisi del sangue è molto innovativo, come sottolinea Malosio, che però si sofferma a riflettere anche sull'aspetto economico: "Anche se i costi di queste procedure si stanno abbassando sempre più, sono ancora abbastanza alti - afferma la ricercatrice - quindi bisogna anche chiedersi chi potrà avere accesso a queste analisi".

Riproduzione riservata © Copyright ANSA

Da non perdere

Condividi

O utilizza